Analisi e interpretazione critica della Bibbia

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Cari voi,​
ho deciso di aprire un 3d dove si possono analizzare e interpretare i passi della Bibbia, di ambedue i Testamenti, e discutere naturalmente anche di come un credente mette in pratica gli insegnamenti o ci prova. Chiaramente la critica, se costruttiva, è ben accetta così come gli interventi di non religiosi.​
Io sono evangelico e, naturalmente, tra i compiti di un evangelico c'è anche quello di essere un discepolo e fare discepoli, ma non è il mio intento qui.​
 
Ultima modifica da un moderatore:

QuasiMagia

New Member
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
35
Punteggio
6
Io sono cattolico, e anche abbastanza "impegnato" (più della media, diciamo). Quattro chiacchiere sul tema le faccio più che volentieri:)
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Io sono cattolico, e anche abbastanza "impegnato" (più della media, diciamo). Quattro chiacchiere sul tema le faccio più che volentieri:)
Ottimo:D
è raro trovare nei forum qualcuno che non ha problemi a dichiarare la propria fede ed il proprio impegno in chiave religiosa
 

QuasiMagia

New Member
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
35
Punteggio
6
Ottimo:D
è raro trovare nei forum qualcuno che non ha problemi a dichiarare la propria fede ed il proprio impegno in chiave religiosa
Sarebbe come nascondere un buon... 60% della mia vita XD

Non ho più 15 anni, ormai ho superato quella fase :cool:
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Sarebbe come nascondere un buon... 60% della mia vita XD

Non ho più 15 anni, ormai ho superato quella fase :cool:
Fai bene, tuttavia da mia esperienza anche in altri forum, pochi si dichiarano apertamente credenti. Ma in realtà, questo si ravvisa spesso anche nella vita privata secondo me: perlomeno conosco correligionari evangelici che, forse per essere in minoranza nella regione in cui vivo per rapporto ai cattolici, sovente esitano a dichiarare la propria fede.
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Cattolico praticante , facente parte del Cammino Neocatecumenale ( non so se ne avete mai sentito parlare ) insieme a mia moglie
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Cattolico praticante , facente parte del Cammino Neocatecumenale ( non so se ne avete mai sentito parlare ) insieme a mia moglie
Sì, conosco qualcosa del Cammino Neocatecumenale. Ti posso chiedere se questa è sempre stata la tua vocazione?
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Sì, conosco qualcosa del Cammino Neocatecumenale. Ti posso chiedere se questa è sempre stata la tua vocazione?
Sono entrato in Cammino che avevo 13 anni. Ho sentito una catechesi ( i miei genitori erano stati invitati) e mi ha colpito profondamente e da lì ho deciso di frequentare anche io. In Cammino ho conosciuto mia moglie ( avevamo 16 anni circa )
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Vorrei conoscere qualcosa in più del tuo credo. Cosa non accettate del cattolicesimo. Il presbitero che ci segue in Cammino ci esorta a renderci conto che essere Cristiani è diverso da essere cattolici
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Vorrei conoscere qualcosa in più del tuo credo. Cosa non accettate del cattolicesimo. Il presbitero che ci segue in Cammino ci esorta a renderci conto che essere Cristiani è diverso da essere cattolici
Guarda, la questione è un po' complessa, ma te la spiego (sperando che il vino della cena non renda il tutto poco comprensibile:p)
I punti maggiori di discordia sono questi (non in ordine di importanza):
- In ordine generale, non seguiamo le introduzioni fatte nei secoli dalla Santa Chiesa Apostolica Romana, quali il sacerdozio dei preti
- Siamo per una lettura diretta della Bibbia, dove la nostra guida (pastore) è scelta dalla comunità, ma non costituisce un ordine eletto di persone
- Riconosciamo solo due sacramenti (Eucarestia e Battesimo), che però non sono chiamati tali
- Il battesimo è valido solo in età consenziente e vale solo come riconoscimento pubblico di essere figli di Dio (mentre tutti gli altri sono creature di Dio) e in nessun modo ha valore salvifico
- Riteniamo che la Salvezza passi solo per Dio e per la credenza in Gesù come personale Signore e Salvatore e non mediante le opere
- Non consideriamo la Madonna o i santi come figure divine o semidivine
- Consideriamo la transustanziazione come ricordo simbolico della Santa Cena, e non effettiva materializzazione del corpo e sangue di Cristo.
Al momento mi sovviene questo.

Ad ogni modo, io appartengo alla Chiesa Evangelica Libera, che molto si discosta ad esempio dalla Chiese Pentecostali o dalla chiese carismatiche. Sono però in un periodo di transizione, che mi sta portando maggiormente verso le chiese valdesi. Si vedrà
 

SSB_Bat98

Memer
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
47
Punteggio
6
Età
21
Località
Terronia
Non ho mai espresso bene il mio pensiero, ma diciamo che credo in un Dio che punisca le cattive persone e che premi quelle buone, indifferentemente dal suo credo.
Per quanto riguarda la Bibbia, io l'ho trovata come una guida per essere delle persone migliori, è triste pensare che alcuni criticano senza neanche provare a capire la morale.

Per me questa discussione è una bella opportunità di esprimere il proprio pensiero, mi piace molto.
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Non ho mai espresso bene il mio pensiero, ma diciamo che credo in un Dio che punisca le cattive persone e che premi quelle buone, indifferentemente dal suo credo.
Per quanto riguarda la Bibbia, io l'ho trovata come una guida per essere delle persone migliori, è triste pensare che alcuni criticano senza neanche provare a capire la morale.

Per me questa discussione è una bella opportunità di esprimere il proprio pensiero, mi piace molto.
Tale questione me la sono chiesta anch'io: entro quali limiti Dio può punire un non credente?
Il pastore mi ha detto: "se una persona crede in Dio, ma per vari impedimenti (es: non conoscenza del messaggio evangelico, impossibilità di seguire i culti e conoscere la Parola) non può conoscere Dio, se è una persone buona è comunque salva."
Questa risposta comunque non mi soddisfa. Io, come te, penso che un Dio giusto debba premiare i Giusti, indipendentemente dal suo credo. Perché, se poniamo come assunto ipotetico, che un cristiano sia salvo perché segue l'unico Dio, come condannare un musulmano che segue i precetti coranici perché sin da piccolo è abituato a seguire quelli? E perché condanniamo all'Inferno un buon musulmano che ha applicato i suoi principi di amore e fratellanza?
Che poi, se leggi la Bibbia o il Quran, la tela di fondo è la medesima
 

QuasiMagia

New Member
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
35
Punteggio
6
Cattolico praticante , facente parte del Cammino Neocatecumenale ( non so se ne avete mai sentito parlare ) insieme a mia moglie
Lo conosco abbastanza bene, mi è stato proposto alcune volte di entrare nel cammino ma ho sempre rifiutato perchè non lo vedo adatto a me (e sinceramente sono un po' critico nei suoi confronti)
Preferisco vivere ed impegnarmi in una "semplice" chiesa parrocchiale diocesana
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Lo conosco abbastanza bene, mi è stato proposto alcune volte di entrare nel cammino ma ho sempre rifiutato perchè non lo vedo adatto a me (e sinceramente sono un po' critico nei suoi confronti)
Preferisco vivere ed impegnarmi in una "semplice" chiesa parrocchiale diocesana
Il Cammino in sè è la riscoperta del proprio battesimo attraverso un tripode: Parola di Dio, Eucarestia è una Comunità di fratelli in cui l'altro è Cristo. I riti si rifanno a quelli della chiesa primitiva e c'è un profondo rispetto per l'ebraismo (Gesù in fondo era ebreo e tutto l'antico testamento profetizza la venuta di Cristo)
 

SSB_Bat98

Memer
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
47
Punteggio
6
Età
21
Località
Terronia
Tale questione me la sono chiesta anch'io: entro quali limiti Dio può punire un non credente?
Il pastore mi ha detto: "se una persona crede in Dio, ma per vari impedimenti (es: non conoscenza del messaggio evangelico, impossibilità di seguire i culti e conoscere la Parola) non può conoscere Dio, se è una persone buona è comunque salva."
Questa risposta comunque non mi soddisfa. Io, come te, penso che un Dio giusto debba premiare i Giusti, indipendentemente dal suo credo. Perché, se poniamo come assunto ipotetico, che un cristiano sia salvo perché segue l'unico Dio, come condannare un musulmano che segue i precetti coranici perché sin da piccolo è abituato a seguire quelli? E perché condanniamo all'Inferno un buon musulmano che ha applicato i suoi principi di amore e fratellanza?
Che poi, se leggi la Bibbia o il Quran, la tela di fondo è la medesima
Alcune cose penso che non si potranno mai rispondere (almeno per ora e in questa vita), per questo bisogna avere fede, no?
 

QuasiMagia

New Member
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
35
Punteggio
6
Il Cammino in sè è la riscoperta del proprio battesimo attraverso un tripode: Parola di Dio, Eucarestia è una Comunità di fratelli in cui l'altro è Cristo. I riti si rifanno a quelli della chiesa primitiva e c'è un profondo rispetto per l'ebraismo (Gesù in fondo era ebreo e tutto l'antico testamento profetizza la venuta di Cristo)
Ok, forse non mi sono spiegato bene: non condivido alcuni "modi di fare" del cammino (che non so se siano tipici della mia zona o diffusi in generale) - in particolar modo il non partecipare a molte iniziative organizzate da altri movimenti/realtà per organizzare magari iniziative simili in parallelo.
Ad esempio ti cito la partecipazione all'ultima gmg, in cui i neocatecumenali della mia zona preferirono non unirsi agli altri giovani ma organizzarono tutto "per conto proprio"; C'erano anche delle questioni logistiche dietro, lo ammetto - ma mi ha dato molto l'impressione di "snobbismo", quasi a dire "preferiamo stare per conto nostro piuttosto che con voi".
Sono sicuro che l'intenzione non fosse quella, ma non è stato un bel messaggio di unità, questo è chiaro

Ammiro molto invece il modo di effettuare le catechesi e la gestione delle comunità.

Poi oh, ogniuno ha il suo stile e il suo carisma, non ce n'è uno migliore o uno peggiore: io ritengo di averne uno diverso :)
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Tale questione me la sono chiesta anch'io: entro quali limiti Dio può punire un non credente?
Il pastore mi ha detto: "se una persona crede in Dio, ma per vari impedimenti (es: non conoscenza del messaggio evangelico, impossibilità di seguire i culti e conoscere la Parola) non può conoscere Dio, se è una persone buona è comunque salva."
Questa risposta comunque non mi soddisfa. Io, come te, penso che un Dio giusto debba premiare i Giusti, indipendentemente dal suo credo. Perché, se poniamo come assunto ipotetico, che un cristiano sia salvo perché segue l'unico Dio, come condannare un musulmano che segue i precetti coranici perché sin da piccolo è abituato a seguire quelli? E perché condanniamo all'Inferno un buon musulmano che ha applicato i suoi principi di amore e fratellanza?
Che poi, se leggi la Bibbia o il Quran, la tela di fondo è la medesima
Io trovo che questo sistema meritocratico di salvezza sia errato e non è quello che predica il Cristo nei Vangeli.
Ok, forse non mi sono spiegato bene: non condivido alcuni "modi di fare" del cammino (che non so se siano tipici della mia zona o diffusi in generale) - in particolar modo il non partecipare a molte iniziative organizzate da altri movimenti/realtà per organizzare magari iniziative simili in parallelo.
Ad esempio ti cito la partecipazione all'ultima gmg, in cui i neocatecumenali della mia zona preferirono non unirsi agli altri giovani ma organizzarono tutto "per conto proprio"; C'erano anche delle questioni logistiche dietro, lo ammetto - ma mi ha dato molto l'impressione di "snobbismo", quasi a dire "preferiamo stare per conto nostro piuttosto che con voi".
Sono sicuro che l'intenzione non fosse quella, ma non è stato un bel messaggio di unità, questo è chiaro

Ammiro molto invece il modo di effettuare le catechesi e la gestione delle comunità.

Poi oh, ogniuno ha il suo stile e il suo carisma, non ce n'è uno migliore o uno peggiore: io ritengo di averne uno diverso :)
Sicuro.. le vie del Signore sono infinite ed ognuno è chiamato in modo diverso , ma posso assicurarti che non c'è alcuna intenzione di essere snob , ma semplicemente, a parte questioni organizzative, tendenzialmente per alcune cose la preoccupazione è inversa. Dato che alcune cose , come mettere in comunione la propria esperienza di vita senza filtri , possono scandalizzare chi non conosce la realtà del Cammino certe volte si va con i piedi di piombo per evitare di far danni
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Alcune cose penso che non si potranno mai rispondere (almeno per ora e in questa vita), per questo bisogna avere fede, no?
Certamente, ma non mi pongo dilemmi riguardo alla mia fede, ma pongo a confronto il mio punto di vista con quello dei miei correligionari rispetto a chi ha concezioni diverse in tal senso
Io trovo che questo sistema meritocratico di salvezza sia errato e non è quello che predica il Cristo nei Vangeli.

Sicuro.. le vie del Signore sono infinite ed ognuno è chiamato in modo diverso , ma posso assicurarti che non c'è alcuna intenzione di essere snob , ma semplicemente, a parte questioni organizzative, tendenzialmente per alcune cose la preoccupazione è inversa. Dato che alcune cose , come mettere in comunione la propria esperienza di vita senza filtri , possono scandalizzare chi non conosce la realtà del Cammino certe volte si va con i piedi di piombo per evitare di far danni
Mi spieghi meglio il tuo pensiero?

Ok, forse non mi sono spiegato bene: non condivido alcuni "modi di fare" del cammino (che non so se siano tipici della mia zona o diffusi in generale) - in particolar modo il non partecipare a molte iniziative organizzate da altri movimenti/realtà per organizzare magari iniziative simili in parallelo.
Ad esempio ti cito la partecipazione all'ultima gmg, in cui i neocatecumenali della mia zona preferirono non unirsi agli altri giovani ma organizzarono tutto "per conto proprio"; C'erano anche delle questioni logistiche dietro, lo ammetto - ma mi ha dato molto l'impressione di "snobbismo", quasi a dire "preferiamo stare per conto nostro piuttosto che con voi".
Sono sicuro che l'intenzione non fosse quella, ma non è stato un bel messaggio di unità, questo è chiaro

Ammiro molto invece il modo di effettuare le catechesi e la gestione delle comunità.

Poi oh, ogniuno ha il suo stile e il suo carisma, non ce n'è uno migliore o uno peggiore: io ritengo di averne uno diverso :)
Sì, concordo, secondo me vanno incluse nel proprio percorso spirituale più persone possibile, anche (e forse soprattutto) non credenti, o "diversamente credenti"
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Spiego meglio il punto primo. Cristo ci dice che Lui è la Via, la Verità e la Vita. Attraverso di Lui c'è la salvezza e nessuno è salvato se non attraverso di Lui. Per seguire il Cristo bisogna lasciare i propri beni , odiare il padre , la madre , il fratello , la sorella , finanche la propria vita , abbracciare la propria croce è seguirlo. Il Kerigma, la buona novella, è che Gesù si è fatto uomo , ha sofferto sulla croce, è morto ed è risorto per la mia e la tua giustificazione , come annunciato dai profeti di un tempo, come prefigurato nelle figure bibliche . Colui che non ha conosciuto il peccato Dio lo trattò da peccato per la nostra giustificazione. La salvezza per il Cristiano viene dalla stoltezza della predicazione, dalla croce gloriosa del Signore Risorto alla quale sono stati inchiodati i nostri peccati. Noi non siamo salvati perché giusti, ma per fede in Gesù Cristo, per Amore , per grazia. Solo attraverso Cristo possiamo arrivare al padre. E Cristo ha predicato una sola cosa . Amatevi gli uni gli altri , amate i vostri nemici come io li ho amati. Perdonando come lui ha perdonato. I peccati si faranno sempre e senza appoggiarsi a Cristo non c'è modo di non cedere al peccato. 'Felice colpa che meritò un così grande Salvatore ' . Il Cristiano deve soltanto dare la propria volontà nel non peccare più e affidarsi totalmente al Cristo nella propria vita . Proprio in questo sta tutta la fede. Riconoscere che non siamo noi dio della nostra vita , ma è Lui . Accettare quello che viene , amare il nemico e perdonare . Se dovessimo basarci sulla giustizia non saremmo meglio dei farisei. Se consideri i peccati Signore , chi si salverà. Neanche Pietro che lo ha rinnegato. O San Paolo come si sarebbe salvato ? Come si sarebbe convertito, lui che perseguitava i cristiani . Con l'Amore, l'Amore nella dimensione della croce .
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Succede che al catechismo ( parlo della Chiesa Cattolica ) ci viene inculcato che se non ci si comporta bene, non si fa questo e quello si va all'interno senza passare dal via. La scrittura invece dice ben altro. Dice che se non si segue Gesù Cristo non c'è vita eterna e che nulla possiamo fare da noi se non appoggiati in Gesù Cristo. Per compiere opere di vita eterna dobbiamo essere in lui e lui in noi. Gesù non è venuto per essere buonino e carino. È venuto a sconfiggere la morte , a prendere il demonio a calci nel culo , a sconfiggere la morte eterna che viene dal peccato. È venuto a fare di noi un regno di sacerdoti, a rivestirci della sua gloria , a renderci re con la sua regalità . Il problema risiede tutto nella nostra libertà . Noi accettiamo questa vita eterna ? Perché per farlo dobbiamo inchiodare l'uomo vecchio sulla croce , dobbiamo morire a noi stessi , distruggere le idolatrie che ci rendono schiavi ( sia materiali che affettive ) e seguirlo. E seguirlo significa soffrire come lui ha sofferto, sopportare come lui ha sopportato , amare come lui ha amato , fino alla morte . ' Perché se amiamo solo coloro che ci amano che merito ne abbiamo, lo fanno anche i pagani'. E Gesù viene a far conoscere il Dio che era di Abramo, di Isacco, di Giacobbe , tutte prefigurazioni di Cristo. La verità è che il Cristiano è un soldato. I rituali possono essere diversi, ma il succo è questo. Essere soldati di Cristo è rivestirsi dell'armatura della fede e combattere il nemico, l'avversario, la bestia , quello che vuole rubarci questa eredità . Perché se saliamo con lui sulla croce con lui risorgiamo . Le opere sono una conseguenza dell'affidarsi al Cristo e non viceversa . Le opere senza l'Amore al nemico, al prossimo, a tutti , sono solo dei riti vuoti. Basti pensare al vangelo del farisei e del pubblicano . " Signore abbi pietà di me che sono peccatore" . Sepolcri imbiancati li chiama. Fuori sono perfetti, fanno le opere giuste , digiunano , pagano le decime e dentro ci sono i vermi , c'è il giudizio, la superbia, l'orgoglio , il disprezzo. Mentre Gesù al ladrone dirà : ' Oggi stesso sarai con me in paradiso' .
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Mi sembra di avere ben capito l'essenza del tuo pensiero, @Shadyx52 . Per molti aspetti mi sembra abbastanza vicino alla dottrina evangelica (ad esempio che la Salvezza passa necessariamente dal Cristo e che si è salvi per fede e non per opere).
Tra le differenze c'è, ad esempio, il salire sulla Croce con Gesù: noi ci basiamo sul mettere tutti i peccati, le paure e i problemi ai piedi della Croce perché il Sacrificio di Gesù è stato unico e bastante per la Salvezza dei figli di Dio
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Mi sembra di avere ben capito l'essenza del tuo pensiero, @Shadyx52 . Per molti aspetti mi sembra abbastanza vicino alla dottrina evangelica (ad esempio che la Salvezza passa necessariamente dal Cristo e che si è salvi per fede e non per opere).
Tra le differenze c'è, ad esempio, il salire sulla Croce con Gesù: noi ci basiamo sul mettere tutti i peccati, le paure e i problemi ai piedi della Croce perché il Sacrificio di Gesù è stato unico e bastante per la Salvezza dei figli di Dio
La forma è allegorica. Il sacrificio di Gesù è unico e bastante . Il salire sulla croce con Gesù implica l'accettazione della volontà di Dio nella nostra vita , anche le sofferenze e le tribolazioni, riconoscendo che anche in quelle si manifesta la gloria e il disegno di Dio che opera nella nostra vita quello che è meglio per noi , non quello che vogliamo. Piuttosto vorrei capire in cosa differisce la Chiesa Evangelica da quella Cattolica
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
La forma è allegorica. Il sacrificio di Gesù è unico e bastante . Il salire sulla croce con Gesù implica l'accettazione della volontà di Dio nella nostra vita , anche le sofferenze e le tribolazioni, riconoscendo che anche in quelle si manifesta la gloria e il disegno di Dio che opera nella nostra vita quello che è meglio per noi , non quello che vogliamo. Piuttosto vorrei capire in cosa differisce la Chiesa Evangelica da quella Cattolica
I punti principali sono quelli che ho messo nel post numero 10. Dipende poi anche dalle chiese evangeliche: quella libera si rifà quasi totalmente al messaggio di Cristo e al Nuovo Testamento, dando meno peso all'A.T. (ad eccezione direi dei salmi). Quelle pentecostali invece sono legate anche maggiormente all'A.T., fanno dei culti molto cantati e tendono a compiere rituali di guarigione, anche pubblica, che invece non sono presenti nelle chiese evangeliche libere.
C'è poi la Chiesa valdese, di cui sto cercando di approfondire la conoscenza, che approcciano la Bibbia con metodo storico-critico e non letterale e dove è preponderante la considerazione dell'ambiente e della società nelle quali la Bibbia è collocata e ha quindi un messaggio evangelico molto più dinamico
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Direi che i punti di discordia non sono tantissimi e alcuni sono fraintendimenti che purtroppo la chiesa cattolica permette, come la divinizzazione dei santi e della madonna che non sono figure divine , ma piuttosto esempi di fede. Gesù Cristo rappresenta il nuovo Adamo mondato dal peccato e Maria é la nuova Eva , che obbediente alla Parola di Dio accetta la volontà di Dio . I santi sono uomini che hanno dedicato la vita al Signore o hanno saputo affidarsi al Signore interamente. Peccatori come tutti gli altri , ma che hanno creduto e rappresentano quindi un esempio per gli altri, ma la vita viene solo da Cristo. Lo dicono le scritture , chiaramente : Il Padre si può conoscere solo attraverso il Figlio . Riguardo al sacerdozio dei preti anche io credo che non ci sia nelle scritture nulla che affermi che non si debbano sposare , anzi San Paolo nella lettera a Tito, mi pare , parla della famiglia e dei figli che il Vescovo ( Tito) aveva e della loro condotta. Il Cammino lo accetta per obbedienza alla Chiesa e al capo che è il Papa. Credo che il punto più grosso di differenza sia proprio l'eucarestia. Per i Cristiani Cattolici durante l'eucarestia non si commemora, ma attraverso i segni e la parola si fa presente Gesù Cristo e si rinnova l'alleanza e si accoglie Cristo in noi attraverso lo Spirito Santo. È una liturgia per noi, non una commemorazione , è la potenza della Parola di Dio che si fa viva .

Piuttosto perché l'AT in secondo piano? Gesù stesso insegnava le scritture
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Direi che i punti di discordia non sono tantissimi e alcuni sono fraintendimenti che purtroppo la chiesa cattolica permette, come la divinizzazione dei santi e della madonna che non sono figure divine , ma piuttosto esempi di fede. Gesù Cristo rappresenta il nuovo Adamo mondato dal peccato e Maria é la nuova Eva , che obbediente alla Parola di Dio accetta la volontà di Dio . I santi sono uomini che hanno dedicato la vita al Signore o hanno saputo affidarsi al Signore interamente. Peccatori come tutti gli altri , ma che hanno creduto e rappresentano quindi un esempio per gli altri, ma la vita viene solo da Cristo. Lo dicono le scritture , chiaramente : Il Padre si può conoscere solo attraverso il Figlio . Riguardo al sacerdozio dei preti anche io credo che non ci sia nelle scritture nulla che affermi che non si debbano sposare , anzi San Paolo nella lettera a Tito, mi pare , parla della famiglia e dei figli che il Vescovo ( Tito) aveva e della loro condotta. Il Cammino lo accetta per obbedienza alla Chiesa e al capo che è il Papa. Credo che il punto più grosso di differenza sia proprio l'eucarestia. Per i Cristiani Cattolici durante l'eucarestia non si commemora, ma attraverso i segni e la parola si fa presente Gesù Cristo e si rinnova l'alleanza e si accoglie Cristo in noi attraverso lo Spirito Santo. È una liturgia per noi, non una commemorazione , è la potenza della Parola di Dio che si fa viva .

Piuttosto perché l'AT in secondo piano? Gesù stesso insegnava le scritture
Sì, insegnava le scritture, ma nel Sermone della Montagna (MT 5-7) depone gli antichi comandamenti. Diciamo che noi seguiamo come linea guida i quattro vangeli, soprattutto nell'applicazione dello stile e modo di vivere nei tempi presenti
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Sì, insegnava le scritture, ma nel Sermone della Montagna (MT 5-7) depone gli antichi comandamenti. Diciamo che noi seguiamo come linea guida i quattro vangeli, soprattutto nell'applicazione dello stile e modo di vivere nei tempi presenti
Ma Gesù stesso dice di non essere venuto ad abolire la legge , ma di essere venuto per portarla a compimento. La legge in Israele era diventata motivo di superbia e di discriminazione ( indicativo il passo del fariseo e del pubblicano ) . Gesù porta a compimento la legge di Mosè con l'amore. Perché tutti i precetti se non c'è l'amore verso l'altro sono appunto vuoti e aridi , sono solo motivo di orgoglio e di superbia . I 10 comandamenti quindi si evolvono in Gesù Cristo nel nuovo comandamento : " ama il prossimo tuo come te stesso", perché se ami l'altro come te stesso automaticamente osserverai tutti i comandamenti. Nel Cammino Neocatecumenale la prima fase è impostata in modo tale da riconoscere che nessuno di noi di base osserva invece il primo comandamento : " Non avrai altro Dio all'infuori di me" . Noi crediamo che sia così , invece siamo idolatri . Siamo idolatri verso i beni materiali: Soldi, casa , macchina ecc e lo siamo negli affetti: in amore , verso i figli ecc . Ma dato che Gesù ha detto che per seguirlo dobbiamo lasciare i nostri beni ( che non significa diventare poveri , ma piuttosto riconoscere la nostra idolatria e rimettere Dio al primo posto ). Questo passo é davvero difficile , ad esempio. Pur se il nuovo testamento rappresenta il nuovo insegnamento le figure bibliche del vecchio testamento , i profeti , hanno importanza per capire che tutto è avvenuto in attesa della venuta di Cristo , che la fede di Abramo che sacrifica il figlio e il figlio che dice : " Legami forte sono raffigurazione del Sì di Maria e del Sacrificio di Gesù , che il Faraone dell'esodo è il peccato e il cammino nel deserto è la nostra vita , una vita in cui noi mettiamo alla prova Dio non accettando la nostra storia , pensando che le decisioni di Dio siano imperfette . Tutto il vecchio testamento é una preparazione alla venuta di Cristo , come si legge in Isaia : " Disprezzato , ma lui si sottomise , non aprì bocca come l'agnello condotto al macello" , ed è lo stesso agnello il cui sangue viene posto sugli stipiti Delle case degli israeliti in Egitto , ed è lo stesso sangue versato per noi sulla croce . Cristo è la Via, ma l'antico testamento ci prepara ad accoglierlo. A riconoscere che il popolo dalla dura cervice siamo noi , che quelli che hanno inchiodato Cristo alla croce non sono stati i Romani , ma noi con i nostri peccati ( è sempre allegorico) . Ogni volta che rifiutiamo la volontà di Dio , ogni volta che non seguiamo la sua Via , ogni volta che non perdoniamo.

Per quanto riguarda il discorso di soffrire con Cristo e morire con lui sulla croce volevo condividere questo passo della lettera a Timoteo che rappresenta chiaramente l'idea

8Ricòrdati di Gesù Cristo
e di ciò che io annunzio:
Fu un discendente del re Davide,
Dio lo risuscitò da morte.
9Per lui io soffro fino a essere incatenato come delinquente. Ma la parola di Dio non è incatenata! 10Perciò io sopporto ogni difficoltà a vantaggio di quelli che Dio si è scelti, perché anch'essi possano raggiungere la salvezza che ci viene da Cristo Gesù e la gloria eterna.11Queste sono parole sicure:
'Se noi moriamo con lui,
con lui anche vivremo.
12Se con lui soffriamo
con lui anche regneremo.
Se noi lo rifiutiamo, anche lui ci rifiuterà.
13E anche se noi non gli siamo fedeli,
egli rimane fedele,
perché non può mettersi in contraddizione con se stesso'.
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Certo, ma anche noi leggiamo e approfondiamo il Vecchio Testamento, ma come ti dicevo per cercare di applicare il messaggio di Cristo per noi, verso la contemporaneità e nella nostra quotidianità ci appoggiamo al N.T. Diciamo che non ci basiamo su Levitico e Deuteronomio ad esempio, per dire:p
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Certo, ma anche noi leggiamo e approfondiamo il Vecchio Testamento, ma come ti dicevo per cercare di applicare il messaggio di Cristo per noi, verso la contemporaneità e nella nostra quotidianità ci appoggiamo al N.T. Diciamo che non ci basiamo su Levitico e Deuteronomio ad esempio, per dire:p
Ma manco noi.. ci mancherebbe
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Ma manco noi.. ci mancherebbe
Comunque ci sono comunità evangeliche pentecostali che lo prendono alla lettera. Ho assistito ad un loro culto a Catania (non ricordo il comune, ma è una chiesa ADI: vedo che sei di Catania, forse la conosci) e non ci sarà un seguito. Oppure le chiese New Vision che contengono solo invasati.
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Comunque ci sono comunità evangeliche pentecostali che lo prendono alla lettera. Ho assistito ad un loro culto a Catania (non ricordo il comune, ma è una chiesa ADI: vedo che sei di Catania, forse la conosci) e non ci sarà un seguito. Oppure le chiese New Vision che contengono solo invasati.
Io sono di Catania

Appunto.. ce ne sono parecchie ma non so dove si trovi questa specifica
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Ecco perché non la ricordo. :ROFLMAO: odio Misterbianco .. io sto a Mascalucia
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
14L'amore del Cristo infatti ci possiede; e noi sappiamo bene che uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti. 15Ed egli è morto per tutti, perché quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risorto per loro.16Cosicché non guardiamo più nessuno alla maniera umana; se anche abbiamo conosciuto Cristo alla maniera umana, ora non lo conosciamo più così.17Tanto che, se uno è in Cristo, è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, ne sono nate di nuove.

Volevo condividere questo passo con voi
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
14L'amore del Cristo infatti ci possiede; e noi sappiamo bene che uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti. 15Ed egli è morto per tutti, perché quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risorto per loro.16Cosicché non guardiamo più nessuno alla maniera umana; se anche abbiamo conosciuto Cristo alla maniera umana, ora non lo conosciamo più così.17Tanto che, se uno è in Cristo, è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, ne sono nate di nuove.

Volevo condividere questo passo con voi
Hai fatto bene:)
 

QuasiMagia

New Member
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
35
Punteggio
6
Visto che siamo in tema "condivisioni libere"...
Io sono tornato ieri da una 2 giorni coi bambini delle medie

Il mio "impegno" appunto attualmente è con loro, come educatore/animatore/catechista (le parole non sono importanti). In passato mi occupavo dei più grandi (età scuole superiori) e anche se mi sentivo più a mio agio, il risultato non cambia: ogni volta torno più ricco di come sono partito ^^

Ormai sono quasi 15 anni che in una forma o nell'altra mi occupo di queste cose, è ed è stata una parte importante della mia vita e ora che so che a breve dovrò smettere mi dispiace un casino - ma è giusto che faccia spazio anche ai ragazzi più giovani di me
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Visto che siamo in tema "condivisioni libere"...
Io sono tornato ieri da una 2 giorni coi bambini delle medie

Il mio "impegno" appunto attualmente è con loro, come educatore/animatore/catechista (le parole non sono importanti). In passato mi occupavo dei più grandi (età scuole superiori) e anche se mi sentivo più a mio agio, il risultato non cambia: ogni volta torno più ricco di come sono partito ^^

Ormai sono quasi 15 anni che in una forma o nell'altra mi occupo di queste cose, è ed è stata una parte importante della mia vita e ora che so che a breve dovrò smettere mi dispiace un casino - ma è giusto che faccia spazio anche ai ragazzi più giovani di me
Che bella cosa però.. è vero, se si rimane aperto c'è sempre da imparare , anche dai più piccoli
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Visto che siamo in tema "condivisioni libere"...
Io sono tornato ieri da una 2 giorni coi bambini delle medie

Il mio "impegno" appunto attualmente è con loro, come educatore/animatore/catechista (le parole non sono importanti). In passato mi occupavo dei più grandi (età scuole superiori) e anche se mi sentivo più a mio agio, il risultato non cambia: ogni volta torno più ricco di come sono partito ^^

Ormai sono quasi 15 anni che in una forma o nell'altra mi occupo di queste cose, è ed è stata una parte importante della mia vita e ora che so che a breve dovrò smettere mi dispiace un casino - ma è giusto che faccia spazio anche ai ragazzi più giovani di me
Con i ragazzi delle medie si può lavorare bene
 

QuasiMagia

New Member
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
35
Punteggio
6
Con i ragazzi delle medie si può lavorare bene
In realtà mi sento molto più a mio agio con quelli delle superiori, con cui è più facile intavolare un discorso serio.

Però una volta che ci hai preso la mano si, si può fare molto anche coi più piccoli
 

Shadyx52

Splatta che ti passa
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
222
Punteggio
16
Età
38
Località
Catania
Piuttosto, come vedete la situazione dalle vostre parti a livello di scristianizzazione?
Il Cammino sta facendo da qualche anno le Missio ad gentes. Delle famiglie volontarie partono in varie parti del mondo ( specialmente Europa al momento ) per riaprire Delle parrocchie in cui non va più nessuno o nei posti in cui ancora è poco diffuso il cristianesimo.
Invece nel locale intere comunità si spostano a celebrare in parrocchie della città in cui ormai non va più nessuno per riattivare la parrocchia
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Punteggio
16
Piuttosto, come vedete la situazione dalle vostre parti a livello di scristianizzazione?
Il Cammino sta facendo da qualche anno le Missio ad gentes. Delle famiglie volontarie partono in varie parti del mondo ( specialmente Europa al momento ) per riaprire Delle parrocchie in cui non va più nessuno o nei posti in cui ancora è poco diffuso il cristianesimo.
Invece nel locale intere comunità si spostano a celebrare in parrocchie della città in cui ormai non va più nessuno per riattivare la parrocchia
Per me è difficile dirlo perché come chiesa evangelica non abbiamo questo tipo di missione in atto.
 
Top