Serie TV Castle Rock - Stephen King+ J.J. Abrams -

Nahuel84

Videogiocatore Gourmet
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
586
Punteggio
16
Età
34
Località
Dublino
Serie psicologica-horror ambientata nel multiverso di Stephen King, Castle Rock è una storia originale che combina la scala mitologica e la narrazione di personaggi intimi delle opere più amate di King, intrecciando un'epica saga di oscurità e luce, giocata su poche miglia quadrate del bosco del Maine.




Trama e info varie(Piccoli spoiler):
Era solo questione di tempo prima che qualcuno tentasse una serie come Castle Rock. È una specie di progetto "Stephen King Expanded Universe", che combina una storia originale con riferimenti alle opere consolidate del romanziere horror ambientate nella città fittizia di Castle Rock, nel Maine. Andre Holland (The Knick, Moonlight) interpreta Henry Deaver, un giovane ragazzo adottato e uno degli unici residenti neri della città, scomparso e riapparso in circostanze strane nel 1991 ed è ora un avvocato che rappresenta detenuti nel braccio della morte in Texas. Ritorna a casa per rappresentare un giovane inquietante interpretato da Bill Skarsgård (Pennywise nel film di King's It dello scorso anno), che è stato scoperto in una gabbia nel seminterrato del penitenziario di Shawshank. The Kid non ha una storia personale conosciuta e sembra essere stato nascosto lì per il bene dell'umanità dal precedente direttore del carcere, Dale Lacey (Terry O'Quinn).

Questa primitiva parabola del bene contro il male forma la spina dorsale dello spettacolo ed echeggia diverse re storie, tra cui The Stand, la miniserie del 1999 Storm of the Century e la serie scritta in modo pseudonimo The Dark Tower. Intorno a esso, Castle Rock tesse le storie di altri personaggi, tra cui Molly Strand (Melanie Lynskey), un agente immobiliare e empatico con grave ansia sociale e un problema di droga; Warden Porter (Ann Cusack), il successore di Lacey a Shawshank che vuole mantenere segreto l'esistenza del serpente sotterraneo finché non scoprono chi è e cosa vuole; e la madre adottiva di Henry, Ruth Deaver (Sissy Spacek, protagonista di uno dei migliori adattamenti del Re, Carrie del 1975), la cui memoria sta decadendo dal morbo di Alzheimer.

King è elencato come uno dei produttori esecutivi insieme a J.J. Abrams, il cui Lost ha inaugurato una mania per la trama del "mystery box" che anima anche questa serie. Ma i principali showrunner sono Sam Shaw e Dustin Thomason del compianto Manhattan del WGN, e al suo massimo, Castle Rock cattura il senso di una comunità espansiva piena di attività, anche se i primi quattro episodi inviati per la revisione sono un po ' una borsa mista Mentre la serie si svolge, ci sono molti tocchi simili a King, tra cui spettacolari atti di violenza, monologhi snervanti da parte di folli custodi della tradizione di Castle Rock, e flashback che ti danno solo abbastanza informazioni per raffreddare il sangue ma non abbastanza per risolvere i misteri in corso.

Come in Fargo di FX, lo spettacolo fa fatica a dimostrarsi all'altezza del materiale di base che non esisterebbe senza, anche se impacchetta la narrativa con personaggi e incidenti che si collegano con l'amata King fiction (così come le esibizioni di attori apparsi su King adattamenti, come Spacek). Simile a quel pastiche dei film dei fratelli Coen, questa serie di Hulu è una fanfiction dai toni altissimi, con un grande budget, che si basa su una proprietà intellettuale consolidata mentre cerca di fare qualcosa di nuovo nello stesso spirito ma ha una vita propria. (Come per incoraggiare il paragone di Fargo, Allison Tolman è la co-protagonista della sorella di Molly Strand.) Ma a differenza di Fargo, non ti chiedi mai se il creatore aveva intenzione di collegare tutte le altre storie precedenti, perché King ha sempre seminato il suo lavorare con riferimenti auto-referenziali e cross-referenziali. Se leggi abbastanza dei suoi romanzi e racconti, sentirai che i personaggi menzionano casualmente il ragazzo che è stato trovato morto dai binari della ferrovia (Stand by Me / The Body), o il San Bernardo che è andato su tutte le furie della rabbia (Cujo ), oi bambini scomparsi a Derry (It). Quindi potresti dire che Castle Rock sta solo facendo quello che King aveva già stabilito che era giusto fare.

A volte i riferimenti sono semplici (come nel montaggio narrato di Lacey della storia della città, che include molteplici allusioni ai libri esistenti su King); a volte sono cose che solo un appassionato fan di King sarebbe immediatamente in grado di ottenere (Scott Glenn interpreta Alan J. Pangborn, sceriffo di Castle Rock dal 1981 al '91 e personaggio con connessioni sia con The Dark Half che con Needful Things); e altre volte sono incredibilmente evidenti (Jane Levy interpreta un personaggio ficcanaso di nome Jackie Torrance, alla famiglia di The Shining). Ma si sentono sempre un po 'superflui. Spesso mi sorprendevo a desiderare che Castle Rock fosse una storia di vita autosufficiente, incentrata sull'orrore in una decadente cittadina del Maine con un sapore simile a Stephen King, al contrario di un progetto di tie-in, anche se probabilmente Hulu non avrebbe avuto acceso a luce verde senza la connessione King. Fargo fa anche questo, naturalmente, anche se con parsimonia e un po 'più con successo, almeno nelle sue prime due stagioni. Non sono sicuro del perché l'interazione tra lavoro esistente e originale non si senta così perfetta qui. Forse perché i Coen sono formalisti estremamente autocoscienti anche quando il materiale è emotivamente coinvolgente, mentre King al suo meglio salta proprio lì dentro e dice di strappare filati che si suppone stiano svegli tutta la notte a leggere. È tanto un credito quanto una critica dire che il materiale originale di Castle Rock di Shaw e Thomason è simile a King ma abbastanza forte da reggere da solo senza il pedigree di King, e che la costante necessità di connettersi al suo lavoro rende la serie meno sicura di è.

Un punto di partenza affascinante è il modo in cui Castle Rock tratta la gara. Anche a King interessava l'argomento, ma il trattamento qui è più sofisticato e coerente e sembra più informato dalla conoscenza della vita contemporanea. Uno dei principali tacchi di Achille del re è la sua tendenza a ricorrere a personaggi "magici negri" e, almeno nei primi quattro episodi, è assente qui. Deaver è un essere umano pienamente formato e plausibile, grazie in gran parte alla sua prestazione prudente e riflessiva, che suggerisce che il personaggio è fuori di sé guardando il mondo anche mentre lo attraversa. Ha una vita interiore intellettuale ed emotiva, e questo è molto importante per far sembrare Deaver molto più di un semplice simbolo o simbolo. (C'è un grande momento nel terzo episodio in cui un altro personaggio lascia cadere nella loro conversazione un'osservazione inattesa e Deaver sbotta fuori "Huh!" Come se apprezzasse sinceramente l'intuizione). La serie trasforma anche le periodiche conflagrazioni razziali che divampano nella finzione di King in una sottomessa latente che informa le conversazioni quotidiane tra Deaver ei personaggi bianchi, che spesso fanno di tutto per affermare preventivamente che non sono razzisti (anche la sua madre adottiva fa questo). Lo stato di pescatore fuori dall'acqua di Deaver lo connette anche, in modo sottile, con Skarsgård's Kid, che sembrava anche apparire spontaneamente nel bel mezzo di un mondo che non ha mai chiesto la sua esistenza.

Castle Rock è anche molto brava a mostrare la disperazione economica che affligge le piccole città americane. Il grande piano di Molly consiste nell'acquistare un vecchio mulino in centro e convertirlo in una struttura ad uso misto che farà scoppiare i tipi di interazioni umane quotidiane che sono andate perse da quando la base di produzione di Castle Rock è crollata. Ad un certo punto, il luogo è paragonato a Falluja, con l'implicazione che il capitalismo ha devastato il posto così completamente che avrebbe potuto essere bombardato dai marines. Più di un personaggio sottolinea che ora la città ha solo un importante datore di lavoro, Penitenziario di Shawshank. Tutti i sottotramini dello spettacolo sono addobbati con riferimenti al complesso carcerario industriale che mantiene la comunità in supporto vitale anche quando rende il posto sensato e disperato. Alcuni episodi in, Molly ha la possibilità di incontrare un gruppo di bambini che partecipano a un bizzarro processo simulato che sembra replicare un'udienza sulla scheda di parole o un processo penale (o forse solo l'idea di un processo), e improvvisamente ci rendiamo conto impatto devastante sulla vita dei bambini quando i loro genitori vanno dietro le sbarre. Tutto questo sembra più vicino al primo Bruce Springsteen (i cui testi sono citati in più di un'opera King) che al maestro stesso, e le interpretazioni principali sono così coerentemente premurose - specialmente quelle di Holland e Lynskey - che quando il soprannaturale inevitabilmente si intromette, rende Castle Rock si sente meno speciale. Gli orrori della vita reale inflitti a queste persone sono inquietanti come qualsiasi ghoul, vampiro o demone che il re possa immaginare.
 
Top