Fenomeni metropolitani moderni

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Mi Piace
0
Punteggio
16
#1
Apro questo topic per parlare di fenomeni particolari e pazzoidi che si possono vivere in aree metropolitane.
Caso 1
L'apertura di Jollibee a Milano: ore di coda per mangiare da un fast food.
Jollibee a Milano: il fast-food filippino del pollo fritto che ha code di 6-7 ore
Che opinione avete di siffatti eventi? Tutto normale dite?
A voi (anche per eventuali altri fenomeni metropolitani, naturalmente)
 

AnérCasval

Tell me God are you punishing me?
Utente
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
2.248
Mi Piace
70
Punteggio
48
Età
31
Località
Eritrea
Codice Amico Switch
2474-9942-7014
Codice Amico 3DS
3007-9349-0709
PSN ID
Oni Core
Xbox Gamertag
ShadowGeminorum
Steam ID
Shadow Gemini
#2
6-7 ore per del pollo? Me lo faccio a casa mia senza manco fare la fila, che senso ha sta cosa? Magari è l'etichetta, ma onestamente, per del pollo quale fila vuoi che faccia, Sono reazioni eccessive
 
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
425
Mi Piace
5
Punteggio
18
#4
Probabilmente la gente era convinta fosse la fila per le poste o quella per il bagno.
Si accodavano, e quando arrivavano al bancone invece di ordinare posavano un pacco o si slacciavano le braghe, facendo solo perdere tempo a tutti.
 

arkady18

ViceWebmaster
Staff Forum
ViceWebmaster
Amministratore
Iscritto dal:
31 Marzo 2018
Messaggi
1.985
Mi Piace
123
Punteggio
63
Codice Amico Switch
5612-9557-9596
#5
Io non capisco le file. A volte, in macchina preferisco allungare e perdere più tempo solo per evitarle. Figuriamoci fare fila per del pollo fritto.
Un decennio fa, quando aprì un centro commerciale nella mia zona, erano tutti appecoronati in file di ore e ore a intasare la strada che portava al centro in questione. Ovviamente la prima volta che ci misi piede fu diversi mesi dopo.
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Mi Piace
0
Punteggio
16
#6
Io non capisco le file. A volte, in macchina preferisco allungare e perdere più tempo solo per evitarle. Figuriamoci fare fila per del pollo fritto.
Un decennio fa, quando aprì un centro commerciale nella mia zona, erano tutti appecoronati in file di ore e ore a intasare la strada che portava al centro in questione. Ovviamente la prima volta che ci misi piede fu diversi mesi dopo.
Idem(y)
 

Sirio17

New Member
Utente
Iscritto dal:
4 Aprile 2018
Messaggi
6
Mi Piace
0
Punteggio
1
#7
Perché se apre un posto nuovo “di tendenza”, esce il Nuovo iPhone, la nuova console ecc tutti corrono per essere i primi a poterne parlare.

Quando ero ragazzino capitava la stessa cosa con gli orologi della Swatch, usciva il nuovo modello e c’era gente che si accampava di notte fuori dai negozi.

Ad arese quando hanno aperto KFC c’erano code interminabili... per del pessimo pollo fritto.
idem da Primark che ha abbigliamento di bassissima qualità ma è un brand internazionale

È la natura umana... credo


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
 

cima99

Emerald Guardian
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
138
Mi Piace
0
Punteggio
16
#8
Perché se apre un posto nuovo “di tendenza”, esce il Nuovo iPhone, la nuova console ecc tutti corrono per essere i primi a poterne parlare.

Quando ero ragazzino capitava la stessa cosa con gli orologi della Swatch, usciva il nuovo modello e c’era gente che si accampava di notte fuori dai negozi.

Ad arese quando hanno aperto KFC c’erano code interminabili... per del pessimo pollo fritto.
idem da Primark che ha abbigliamento di bassissima qualità ma è un brand internazionale

È la natura umana... credo


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
A me Primark piace e mi permette di vestire i miei figli senza lasciare un rene:D
Comunque sì, l'esempio di Jollibee può benissimo essere usato come paradigma di questa fenomenologia. Io, dal canto mio, skippo tutti i day-one di qualsiasi cosa perché sovente sono uno spreco di tempo (e di denaro, se si vuole comprare qualcosa di elettronico o multimediale nel giorno dell'uscita)
 
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
78
Mi Piace
0
Punteggio
6
Località
Torino
#9
Magheggi del marketing.
Prendiamo i negozi della Nespresso; già il fatto che si chiamino boutique mi fa venire il prurito alle mani, poi entri e fai ore di coda perché dei commessi incravattati e commesse in tailleur devono distribuirti biglietti per smistarti manco fossi all’agenzia delle entrate. E tutto questo per cosa? Per delle merdosissime capsule di caffè, che ti spacciano come fossero gioielli, anche e soprattutto per il prezzo al quale sono proposte (38/41!! centesimi l’una), quando in rete trovi alternative molto ma molto più a buon mercato (io le trovo a 18/20 cent, quindi esattamente la metà o meno) senza peraltro che questa differenza di prezzo si traduca in una qualità del prodotto inferiore, anzi...
 

AstroMaSSi

Member
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
526
Mi Piace
6
Punteggio
18
#10
Magheggi del marketing.
Prendiamo i negozi della Nespresso; già il fatto che si chiamino boutique mi fa venire il prurito alle mani, poi entri e fai ore di coda perché dei commessi incravattati e commesse in tailleur devono distribuirti biglietti per smistarti manco fossi all’agenzia delle entrate. E tutto questo per cosa? Per delle merdosissime capsule di caffè, che ti spacciano come fossero gioielli, anche e soprattutto per il prezzo al quale sono proposte (38/41!! centesimi l’una), quando in rete trovi alternative molto ma molto più a buon mercato (io le trovo a 18/20 cent, quindi esattamente la metà o meno) senza peraltro che questa differenza di prezzo si traduca in una qualità del prodotto inferiore, anzi...
A dire il vero io sono tornato allo Moka. Mi avevano regalato Nespresso ma il costo di un caffè è esorbitante ed in fondo a me piace la possibilità di graduare la “forza” del caffè ch mi consente la moka (a me poi il caffè troppo forte non piace molto).
 

theskorpion

Member
Utente
Iscritto dal:
5 Aprile 2018
Messaggi
312
Mi Piace
0
Punteggio
16
Codice Amico 3DS
5301 - 4025 - 5921
#11
A dire il vero io sono tornato allo Moka. Mi avevano regalato Nespresso ma il costo di un caffè è esorbitante ed in fondo a me piace la possibilità di graduare la “forza” del caffè ch mi consente la moka (a me poi il caffè troppo forte non piace molto).
Ho provato ogni tipo di caffè, ma continuerò a prediligere quello in moka.

Detto ciò, non mi sognerei mai di fare una fila di 6/7 ore, per nessuna ragione al mondo.
 
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
78
Mi Piace
0
Punteggio
6
Località
Torino
#12
A dire il vero io sono tornato allo Moka. Mi avevano regalato Nespresso ma il costo di un caffè è esorbitante ed in fondo a me piace la possibilità di graduare la “forza” del caffè ch mi consente la moka (a me poi il caffè troppo forte non piace molto).
A me il caffè piace tutto, a parte la brodaglia che bevono i nord americani e nord europei. Diciamo che preferisco le capsule più che altro per un fatto di praticità, ma non c’è dubbio che una moka fatta come si deve abbia sempre un suo perché
 

Ezr91aeL

The Emperor guides me
Utente
Iscritto dal:
6 Aprile 2018
Messaggi
84
Mi Piace
0
Punteggio
6
#13
Il caffè si fa con la moka. Posso tollerare l'espresso del bar. Il resto è una bevanda a base di caffeina.

Il fatto è che nel caffè non ci sono solo chicchi tostati e macinati e acqua calda: c'è l'amore e l'impegno di chi lo prepara. Una cialda preconfezionata è vuota.
 

Freck

New Member
Utente
Iscritto dal:
5 Aprile 2018
Messaggi
4
Mi Piace
0
Punteggio
1
#14
6-7 ore per del pollo? Me lo faccio a casa mia senza manco fare la fila, che senso ha sta cosa? Magari è l'etichetta, ma onestamente, per del pollo quale fila vuoi che faccia, Sono reazioni eccessive
Non ci sono più le mezze stagioni.

Per capire il fenomeno bisognerebbe intanto sapere che a Milano vive la più grande comunità filippina in Italia (se non mi sbaglio quasi 100'000), e poi comprendere eventualmente che cosa rappresenta culturalmente Jollibee per questi individui.
 

Servo di Miyamoto

Black Lung
Utente
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
1.066
Mi Piace
36
Punteggio
48
Località
Ambarino
#15
Non ci sono più le mezze stagioni.

Per capire il fenomeno bisognerebbe intanto sapere che a Milano vive la più grande comunità filippina in Italia (se non mi sbaglio quasi 100'000), e poi comprendere eventualmente che cosa rappresenta culturalmente Jollibee per questi individui.
Ma è buono almeno? :look:
 

Freck

New Member
Utente
Iscritto dal:
5 Aprile 2018
Messaggi
4
Mi Piace
0
Punteggio
1
#16
Beh, sarà il solito livello fast food, forse un pelo più decente. Se capiterò a Milano lo proverò, ma non è che muoia dalla voglia di mangiare al Jollibee.

Sono intervenuto solo perché mi dà fastidio l'esibizione di chiusura mentale, come anche il nazi della moka qui sopra. È come dire che tra i vini esiste solo l'amarone, pretendendo anche di essere un intenditore.
 

AnérCasval

Tell me God are you punishing me?
Utente
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
2.248
Mi Piace
70
Punteggio
48
Età
31
Località
Eritrea
Codice Amico Switch
2474-9942-7014
Codice Amico 3DS
3007-9349-0709
PSN ID
Oni Core
Xbox Gamertag
ShadowGeminorum
Steam ID
Shadow Gemini
#17
Non sarà di certo un pollo a farmi aprire la mente però leggerò il Mein Moka di Ezr :filenfio:
 

Ezr91aeL

The Emperor guides me
Utente
Iscritto dal:
6 Aprile 2018
Messaggi
84
Mi Piace
0
Punteggio
6
#18
Sono intervenuto solo perché mi dà fastidio l'esibizione di chiusura mentale, come anche il nazi della moka qui sopra. È come dire che tra i vini esiste solo l'amarone, pretendendo anche di essere un intenditore.
Non è il tipo. E' il modo. E' l'amore che rende un caffé buono. Controllare granello per granello se il caffé macinato ha riempito per bene la moka, se l'acqua ha raggiunto il giusto livello, fino al punto corretto della valvola, regolare la fiamma perché scaldi lentamente l'acqua senza bruciare il caffé. Quello che dico io non è come dire che esista solo l'amarone come vino, è dire che le capsule della Nespresso sono il Tavernello dei caffé, mentre quello che preparo io è come la Rossura del Brigante che prendo dalla mia cantina preferita sui Colli Eguanei: unico. Non perché sia il più buono in assoluto, ma perché c'è la cura e l'amore di qualcuno che lo fa mettendoci il cuore.

Non sarà di certo un pollo a farmi aprire la mente però leggerò il Mein Moka di Ezr :filenfio:
In verità ti dico ora: sarai con me in paradiso.
 
Ultima modifica:

Rinocerondine

Amministratore
Staff Forum
Amministratore
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
958
Mi Piace
18
Punteggio
18
#19
Non è il tipo. E' il modo. E' l'amore che rende un caffé buono. Controllare granello per granello se il caffé macinato ha riempito per bene la moka, se l'acqua ha raggiunto il giusto livello, fino al punto corretto della valvola, regolare la fiamma perché scaldi lentamente l'acqua senza bruciare il caffé. Quello che dico io non è come dire che esista solo l'amarone come vino, è dire che le capsule della Nespresso sono il Tavernello dei caffé, mentre quello che preparo io è come la Rossura del Brigante che prendo dalla mia cantina preferita sui Colli Eguanei: unico. Non perché sia il più buono in assoluto, ma perché c'è la cura e l'amore di qualcuno che lo fa mettendoci il cuore.
Questo commento scalda il cuore mio e della mia vecchia Bialetti.

Grazie :*_*:
 

Freck

New Member
Utente
Iscritto dal:
5 Aprile 2018
Messaggi
4
Mi Piace
0
Punteggio
1
#20
le capsule della Nespresso sono il Tavernello dei caffé
Ma quello ci sta, discorsi sull'amore a parte. Le capsule sono puro marketing, Don Draper oggi lavorerebbe per Nespresso e la loro macchina per il caffè è l'equivalente del carosello della Kodak: una roba inutile che tra 30 anni a malapena ricorderemo.

Circoscrivere alla moka l'esperienza del caffè, comunque, denota chiusura mentale: perché se fossi nato a Napoli 100 anni fa avresti detto la stessa cosa del caffè fatto con la cuccumella. Se fossi nato a Saigon ora racconteresti dei chicchi sapientemente tostati da tua nonna e diresti che il caffè vero va fatto percolare lentamente e filtrato goccia per goccia da una lunga rete finissima. Se fossi nato a Istanbul diresti lo stesso del caffè turco. In Etiopia c'è tutta una cerimonia in cui si beve il caffè con sale e burro, e gli etiopi l'hanno praticamente inventato loro, il caffè.
 

AnérCasval

Tell me God are you punishing me?
Utente
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
2.248
Mi Piace
70
Punteggio
48
Età
31
Località
Eritrea
Codice Amico Switch
2474-9942-7014
Codice Amico 3DS
3007-9349-0709
PSN ID
Oni Core
Xbox Gamertag
ShadowGeminorum
Steam ID
Shadow Gemini
#21
Non è il tipo. E' il modo. E' l'amore che rende un caffé buono. Controllare granello per granello se il caffé macinato ha riempito per bene la moka, se l'acqua ha raggiunto il giusto livello, fino al punto corretto della valvola, regolare la fiamma perché scaldi lentamente l'acqua senza bruciare il caffé. Quello che dico io non è come dire che esista solo l'amarone come vino, è dire che le capsule della Nespresso sono il Tavernello dei caffé, mentre quello che preparo io è come la Rossura del Brigante che prendo dalla mia cantina preferita sui Colli Eguanei: unico. Non perché sia il più buono in assoluto, ma perché c'è la cura e l'amore di qualcuno che lo fa mettendoci il cuore.


In verità ti dico ora: sarai con me in paradiso.
Purtroppo uso le cialde ho una Dolce Gusto, non sono degno Mein Moker:ç_ç:
 
Top