Il videogioco che mi rappresenta

AnérCasval

Tell me God are you punishing me?
Utente
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
2.248
Mi Piace
70
Punteggio
48
Età
31
Località
Eritrea
Codice Amico Switch
2474-9942-7014
Codice Amico 3DS
3007-9349-0709
PSN ID
Oni Core
Xbox Gamertag
ShadowGeminorum
Steam ID
Shadow Gemini
#1
Volevo creare qualcosa di nostalgico, atipico e "spero unico".
Nella nottata di ieri, nel guardare la mia action figure di megaman x, ho rievocato il motivo del perché rappresenta una serie importante. Ognuno di noi, si rivede in personaggi dello spettacolo, dei fumetti, film ed anche videogiochi. Nel caso di questi ultimi, mi chiedo, quanti di voi nel giocare un titolo che oggi portano dentro di se, col tempo hanno compreso che quello sarebbe stato un esempio della propria esistenza. Un solo videogioco, che ci portiamo dentro, che riaffiora ricordi forti e significativi che si differenzia dagli altri, perché ci ha mostrato ciò che all'epoca non riuscivamo a valutare se non dopo numerosi anni. Per farmi capire, inizierò io, su qual'è quel gioco che ha significato tanto per me. In questo thread, voglio che si parli solo di un gioco, quell'unico pezzo di saga/partita che vi ha mostrato qualcosa, che non si tratta di una semplice emozione, ma di una dimostrazione della vita.

Quindi eccovi il mio: Mega Man X (snes)

MMX, se lo guardo con la mentalità di oggi e rievocando le sensazioni di allora, ironicamente mi ha mostrato una parte di quello che sono. La serie è proiettata verso il futuro, una città tecnologica, con reploid senzienti ed emotivi, veicoli futuristici, l'avanguardia dell'apice umano. Tutto ciò che a me piace è l'elettronica, i robot, tutto ciò che è futuristico ed avanzato, che porta la tua mente a viaggiare in avanti ed immaginare un mondo verso un futuro dove tutto è possibile.
Però nella serie di Capcom, viene mostrato anche altro, l'epoca buia e la minaccia delle nostre stesse creazioni. Un passo più lungo della gamba, dovuta alla smania di desiderio dell'essere umano, di voler essere sempre avanti per poi ritrovarsi minacciato da tutto ciò che realizza. Quando in passato, sul database di megaman x, lessi la data di attivazione del personaggio nel primo videogioco, fui pervaso dalla convinzione che fosse realmente "il mio gioco". 4 Giugno, la mia data di nascita e la data di attivazione di X in Abel City. Qualcosa che non mi aspettavo, ed il bello di X è ciò che lo rende unico, un "bambino" che vuole cambiare il mondo che apprende dagli errori e dagli insegnamenti. Nei vari X incontriamo il Dr.Light, il suo creatore, che lo conforta e consiglia donandogli al contempo le componenti della sua Full Armor. Ogni singolo componente, varia da episodio a episodio, perchè quelle armature sono l'esperienza necessaria ad affrontare le difficoltà della vita, sempre diverse, e come loro anche noi dobbiamo cambiare.
Ma c'è qualcosa che nella serie rappresenta realmente bene le difficoltà, ovvero i muri da scalare, che non vengono superati da una semplice arrampicata ma dai "calci sui muri". Per attraversare una zona bisognava calciare sulle pareti, e proprio quel modus operandi; può far capire che nella vita degli individui vi possono essere pareti insormontabili che richiedono azioni sovrumane, proprio come scalarle a calci.
La colonna sonora di X, è stata un segno su quale genere musicale mi avrebbe attratto. La traccia del livello di Storm Eagle, sa rendere molto bene l'idea su cosa poi mi sarebbe piaciuto ascoltare successivamente.
E Zero? Beh Zero, rappresenta la rivalità con le persone, quelle vicine ma che al contempo possono trasformarsi in qualcosa di ostile e da affrontare. Zero, può anche essere quella parte di noi stessi, che nella solitudine ci fa compagnia e che altre volte dobbiamo affrontare per fare fronte alle difficoltà. Un qualcosa di necessario, onnipresente, nell'arco di tutta la vita. Dietro tutto questo Sigma e soci, hanno rappresentano per me, coloro che mi vogliono male e che ancora oggi ostacolano il mio percorso. Il loro egoismo, egocentrismo, desiderio di sentirsi elevati è ben presente nelle mentalità di Sigma, mentre altrove troviamo sottoposti abietti senza capacità di ragionare con la testa propria.
MMX ha tante cose, che rivedo nella mia vita, da bambino non ci pensavo ma col tempo ho tradotto ogni sua singola partita in una descrizione di quella che sarebbe stata la mia vita.

E voi, avete un videogioco, che solo dopo il passare del tempo vi ha fatto capire cosa vi stesse dicendo allora?
 
Ultima modifica:
Top