Oltre la fine

  • Autore discussione Utente cancellato
  • Data d'inizio
U

Utente cancellato

Guest
#1
Questo è un tema che ho trattato diverse volte in passato tra una birra e l'altra con amici appassionati di videogiochi (e non solo).
Man mano che la tecnologia si é evoluta, anche i videogiochi , oltre a diventare più belli esteticamente, hanno iniziato a crescere e ad avere trame sempre più articolate.
C’era un tempo in cui la trama per un videogioco non era così importante; la storia (quando c’era) era banalmente descritta da due righe di testo. L’importante era giocare, bastava semplicemente che il gioco mostrasse un gameplay il più valido possibile.
Per carità , anche venti o trenta anni fa, di giochi che raccontavano storie ce n’erano, basti vedere un qualsiasi Zelda o Final Fantasy, ma ad ogni generazione i titoli aventi trame articolate come i giochi di ruolo o di avventura hanno dato il via a vere e proprie telenovele destinate a non avere mai fine, o perlomeno tendenti al procrastinare il finale il piu’ possibile.
Da un certo punto di vista, una delle cause principali é stata la fanbase dei suddetti giochi. Io per primo ammetto che quando avevo 17 anni e arrivai ai titoli di coda di Final Fantasy 7 , rimasi con un groppo alla gola ad osservare le “stelle” (chi l’ha finito sa cosa intendo) per diversi minuti, nella speranza di vedere “qualcos’altro”. Non volevo che la storia finisse.
Quando un gioco ci coinvolge, automaticamente ci si affeziona ai personaggi e alla loro storia; e questo perché grazie anche all’abilità degli sceneggiatori, essi hanno saputo trasmetterci qualcosa.
Variano da giocatore a giocatore i sentimenti e le emozioni percepite, ma non si può negare che tutti prima o poi siamo incappati in una storia che non volevamo giungesse a termine.
E anche nel caso avessimo accettato il finale di questa storia, ci sarebbe piaciuto , prima o poi , sapere cosa era successo negli anni a quei personaggi; detto molto banalmente, sapere “come stavano”.
Se avete provato questo tipo di emozioni, non pensiate di essere stati gli unici al mondo. Il desiderio di vedere la prosecuzione di una storia tanto amata è stato più comune di quanto possiate immaginare, ed è anche per questo che , seppur con risultati alquanto discutibili , il numero dei seguiti di giochi aventi trame cosi’ coinvolgenti è andato ad aumentare sempre più negli anni, a volte anche a tal punto da nauseare i fan, divenuti poi ex fan.
A voi e’ mai successo di soffrire per la fine di un titolo e di volere che la storia continuasse? Con quali giochi?
Oppure avete sempre accettato i finali e siete passati ad altro?
E vi e’ mai successo di odiare un seguito al punto da quasi rinnegarlo e fissare nella vostra mente l’epilogo dell’episodio precedente come “vero finale” ?
ff.jpg
 

Porter

Member
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
131
Mi Piace
0
Punteggio
16
#2
Ve lo dico sinceramente, anche se so che è un titolo non amato. Mass Effect Andromeda. Ho goduto tanto nel giocarlo, e avrei voluto avere la prosecuzione della saga dei Ryder. E'un universo al quale sono molto legato, e mi dispiace molto non poter vedere come si sarebbe sviluppato in futuro.
 

Jagred

Member
Utente
Iscritto dal:
4 Aprile 2018
Messaggi
60
Mi Piace
0
Punteggio
6
#3
Mi successe pareeeeeecchio tempo fa con Ocarina of Time: avevo assolutamente ancora bisogno di un more of the same. Probabilmente le mie preghiere vennero ascoltate... vi dice niente un certo Majora's Mask? Ero solo un bimbetto, adesso che ho un lavoro e posso permettermi di comprare più o meno tutti i giochi che mi interessano (e sono tanti), difficilmente potrei avere ancora fame di un gioco una volta finito, in quanto ce ne sono molti altri che attendono nel backlog.
 

matte_crash

Collaboratore
Collaboratore
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
527
Mi Piace
0
Punteggio
16
Età
25
#4
Mi è capitato di recente con quantum break, la trama mi aveva preso a tal punto da bramare a tutti i costi un seguito già il giorno dopo, peccato che mi sia dovuto mettere subito il cuore in pace e "inventarmi" un mio finale dato che non avremo mai un seguito da remedy.
 

Porter

Member
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
131
Mi Piace
0
Punteggio
16
#5
Peccato davvero per quantum break. Credo sia un gioco sottovalutato.
 

kenji

Collaboratore
Collaboratore
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
857
Mi Piace
2
Punteggio
18
#6
se il seguito è advent children è difficile non odiarlo XD
 

matte_crash

Collaboratore
Collaboratore
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
527
Mi Piace
0
Punteggio
16
Età
25
#7
Peccato davvero per quantum break. Credo sia un gioco sottovalutato.
Personalmente l'ho adorato e come trama lo reputo superiore ad uncharted 4, che mi è capitato di giocare nello stesso periodo. Purtroppo è stato criticato aspramente da gente che molto probabilmente non lo ha mai giocato, stessa sorte toccata a the order ( anche se questo aveva più difetti secondo me ), altro titolo di cui non disdegnerei assolutamente un seguito ma che non vedremo mai.
 

Vexem

Jaguarandi
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
425
Mi Piace
0
Punteggio
16
Età
27
Località
Roma
PSN ID
ErMunga
Xbox Gamertag
MungaHzord
Steam ID
MungaH
#8
Un gioco per cui ho veramente sofferto il fatto di averlo finito è, strano ma vero, Binary Domain.
Pur essendo molto recente molti di voi neanche lo conosceranno, ma la storia mi aveva calamitato al televisore e ho sperato fino all'ultimo che facessero un seguito.
Ahimè non ha avuto molto successo come gioco.
Il primo Zone of the Enders invece è durato così poco che nonostante mi stesse piacendo un macello, pensavo si trattasse di uno scherzo; fortuna che il secondo è stato di un altra pasta.

Bioshock Infinite invece mi ha lasciato di stucco con un finale stupendo.
E non sentivo la necessità di ritornare a Columbia, perché il gioco era stato veramente completo ed esaustivo.
Poi uscí la seconda parte di Burial at sea che è probabilmente stato uno dei migliori dlc di sempre.

Ah, PS, FF X-2 per me non è mai esistito

Inviato dal mio MI 5 utilizzando Tapatalk
 

Xerlan

New Member
Utente
Iscritto dal:
5 Aprile 2018
Messaggi
25
Mi Piace
0
Punteggio
1
Età
24
#9
Basterebbe vedere la mia foto del profilo per capire quale titolo mi ha colpito maggiormente negli ultimi anni,non a caso e' anche la saga che ho rigiocato piu' volte,ovviamente sto parlando di Mass Effect che con il terzo capitolo ha saputo sorprendermi e lasciarmi abbastanza basito con il suo finale (non in senso negativo) che nonostante sia stato da tutti bistrattato io ho saputo accettarlo e un senso ce l'ho visto,non potro' mai dimenticare la scena dopo i titoli di coda con l'armatura N7 che viene fatta vedere sotto le macerie.

Accettai il modo in cui si erano svolte le avventure del comandante Shepard e per un mesetto buono me ne stetti su internet a studiare e leggere teorie che probabilmente ancora oggi si possono trovare online (e alcune molto valide,a mio parere) ma cio' ovviamente non ha potuto placare la mia curiosita' e tant'è che ancora oggi aspetto e spero che si riprenda quel filone di trama che si era lasciato (che hanno volutamente abbandonato con Andromeda) o che diano una degna spiegazione alla ripresa di quell'armatura N7 che viene fatta intravedere sotto le macerie.

Un'altra saga di cui aspetto un seguito e' di gran lunga piu' famoso ed e' diventata una sorta di Meme mondiale e ovviamente parlo di Half Life,lo ricordo da quando ero piccolo e all'epoca vedevo che ne parlavano nei programmi televisivi "Specializzati" a tema videoludico (che ad oggi praticamente non esistono piu') e solo qualche anno fa sono riuscito a recuperare (non il primo capitolo,mea culpa) e che ovviamente,come tutti,ha lasciato con l'acquolina alla bocca per un sequel (che ovviamente non arrivera' mai).

Inviato dal mio P008 utilizzando Tapatalk
 

Glorfindel

Member
Utente
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
98
Mi Piace
0
Punteggio
6
#10
Io sono un giocatore single player da sempre, aborro lo spirito "commerciale" e "fintamente social" che si nasconde dietro il multiplayer (ma non il multiplayer come concetto in se stesso), ma nel contempo ritengo che lato "storia" sia davvero una rarità per me ricordare un titolo e le emozioni che mi ha dato da quel punto di vista.

Cosa mi spinge a giocare il single player, dove trovo le emozioni, cosa mi porta alla nostalgia una volta finito un bel single player?

Le sensazioni, quelle che toccano in te qualcosa di molto più profondo che la semplice lettura di una storia. A volta basta davvero un personaggio che ti piace molto. A volte basta l'ambientazione, a volte il feeling complessivo (anche un solo menù, gli effetti sonori nel selezionare una opzione).

Faccio un esempio. Assassin's Creed Origins.

Tantissimi anni feci un sogno strano, tristissimo, ma nello stesso tempo bellissimo. Non voglio entrare nei particolari, del perchè per me fu così strano che a distanza di anni ancora lo ricordo vividamente come se fosse una esperienza reale e recentissima.

Bene, con AC Origins Ubisoft è riuscita a raggiungermi nell'anima. Nel secondo DLC ad un certo punto si esplora la Duat. Quando ci sono arrivato ho subito un colpo al cuore, perchè... mi sono ritrovato in quel sogno, sia come ambientazione, che come sensazioni percepite. Sono stato davvero un sacco di tempo a passeggiare per la strada principale, in mezzo agli NPC (senza la foga di un Multiplayer in cui devi solo correre, senza avere il tempo di ingoiare NULLA, di capacitarti di nulla a riguardo di quello che ti circonda, perchè conta il profitto, il rank).

Ho finito il gioco oramai da più di una settimana, non ricordo quasi nulla della storia e degli eventi, tranne la rivelazione finale. Ma ricordo e ricorderò sempre quel momento. Quelle sensazioni.
 

Janitor86

New Member
Utente
Iscritto dal:
18 Aprile 2018
Messaggi
13
Mi Piace
0
Punteggio
1
#11
stessa sorte toccata a the order ( anche se questo aveva più difetti secondo me ), altro titolo di cui non disdegnerei assolutamente un seguito ma che non vedremo mai.
Sono d'accordo, magari non è il gioco della vita ma tutto il contorno era davvero interessante, ero davvero curioso di saperne di più di quel mondo.
 

Vexem

Jaguarandi
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
425
Mi Piace
0
Punteggio
16
Età
27
Località
Roma
PSN ID
ErMunga
Xbox Gamertag
MungaHzord
Steam ID
MungaH
#13
Mamma mia. Che tristezza. Il finale buono poi rende assurdo tutto...

Been there,done that
Per fortuna ho rimosso.
E ricordo che non ha di certo ricevuto un trattamento peggiore rispetto al XIII e al XV.

Un commento fatto nel 2003 su Metacritic
<Game sucks, I've played every single Final Fantasy from 1-X2. This and Final Fantasy XI are by far the most horrible out of the series. The Music is pure crap, the whole game is a complete joke. No weapons, No Armor, No Limit Breaks, No Overdrives, No Aeons. Garmet Grids and Dress Spheres?? This game should be called Final Fantasy: Barbie. Its so feminine, I can't believe so many GUYS are giving it the praise it DOES NOT deserve. Horrible game >
 

AnérCasval

Tell me God are you punishing me?
Utente
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
2.296
Mi Piace
70
Punteggio
48
Età
31
Località
Eritrea
Codice Amico Switch
2474-9942-7014
Codice Amico 3DS
3007-9349-0709
PSN ID
Oni Core
Xbox Gamertag
ShadowGeminorum
Steam ID
Shadow Gemini
#14
Io sono sempre per "Prima o poi le cose devono finire" senza dover arrivare a quintilliardi di seguiti. Halo per me doveva finire col 3 senza dover continuare col 4 e 5, che vanno a ridurre la credibilità della saga. Oddio, ho troppi esempi di titoli, di cui mi sarebbe piaciuto vedere un seguito o semplicemente vederli finire per la paura di eccessive forzature. Quando finisco i Persona ad esempio, avverto una certa malinconia, essendomi abituato a quella compagnia virtuale, che indirettamente mi faceva sentire partecipe. Oppure le vicende della serie di Yakuza che ti fa legare ad ogni singolo personaggio, estremamente reale ma anche estremamente eccessivo. La fusione del giocatore col mondo di Xenoblade accompagnato dalle colonne sonore, dai personaggi e dagli eventi oppure il silenzio di Metroid Prime che ti accompagnava tra l'ignoto. Insomma tantissime cose, sono uno che si lega a tante serie
 
Top