PlayAnywhere Project XCLOUD - Gaming in streaming by Microsoft

-=NickZip=-

Member
Utente
Iscritto dal:
18 Aprile 2018
Messaggi
251
Punteggio
18
Si chiama Project xCloud e funziona grazie a dei data center in grado, tramite le cosiddette "blade", di far girare nativamente i giochi per poi trasmetterli in tutto il mondo.

Ogni blade è composto da quattro Xbox One S e rende possibile un'ottimizzazione tale da poter avviare i titoli anche tramite la rete mobile di uno smartphone.

Il primo data center è situato a Quincy, nel Massachusetts, e sarà pronto per dei test pubblici già nel 2019. Nel video di presentazione vengono mostrati giochi come Halo 5: Guardians, Forza Horizon 4 e Gears of War 4 girare su smartphone e tablet, sia con il controller di Xbox One collegato via bluetooth che con l'interfaccia touch appositamente studiata dall'azienda di Redmond.


Attualmente Project xCloud è da intendere "solamente" come la tecnologia che permetterà di giocare a tutti i giochi Xbox via streaming: bisognerà attendere qualche tempo prima di scoprire i dettagli sul prezzo e le funzionalità del servizio.

Fonte Microsoft

 

Pat_00

Roma fu fatta un po' pé' vorta.
Collaboratore
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
1.348
Punteggio
38
Età
120
Riguardo ai problemi di latenza che alcuni giocatori potrebbero incontrare utilizzando Project xCloud, Microsoft afferma che 10 Mbps saranno più che adeguati, anche se sembra che in ogni caso il servizio scalerà le prestazioni dello streaming in base alla connessione dei giocatori.
 

kenji

Collaboratore
Collaboratore
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
888
Punteggio
18
Riguardo ai problemi di latenza che alcuni giocatori potrebbero incontrare utilizzando Project xCloud, Microsoft afferma che 10 Mbps saranno più che adeguati, anche se sembra che in ogni caso il servizio scalerà le prestazioni dello streaming in base alla connessione dei giocatori.
quindi da noi sarà difficile usare il servizio come nel caso del PS Now?
 

Pat_00

Roma fu fatta un po' pé' vorta.
Collaboratore
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
1.348
Punteggio
38
Età
120
quindi da noi sarà difficile usare il servizio come nel caso del PS Now?
Il Ps Now da noi funziona piu' che bene se si usa un proxy...in molti hanno fatto la prova gratuita per vedere come andava e alla fine hanno detto che tutto sommato l' esperienza era stata positiva
 

Nahuel84

Videogiocatore Gourmet
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
586
Punteggio
16
Età
36
Località
Dublino
Preso da MondoXbox dove emergono altre info Molto interessanti:

Phil Spencer aveva accennato velatamente a questa tecnologia allo scorso E3 e diversi rumor ci suggerivano che Microsoft era attivamente al lavoro sul progetto, ma ora è ufficialmente realtà: Microsoft ha appena annunciato Project xCloud, una tecnologia di game streaming che ci permetterà di giocare con i nostri titoli Xbox passati, presenti e futuri ovunque vogliamo.

Il concetto alla base di Project xCloud è lo stesso di altre tecnologie simile che abbiamo visto adottare da Sony e recentemente anche da Google, ma Microsoft spinge molto sull'ottimizzazione del servizio, capace di fornire un'esperienza di gioco soddisfacente anche su reti mobile, e sul vantaggio che gli verrà fornito dalla propria infrastruttura Azure: si tratta di decine di data center sparsi in tutto il mondo nei quali verranno installati interi armati pieni di blade capaci di eseguire nativamente i giochi Xbox, per poi trasmetterli ai giocatori in tutto il mondo.
Microsoft spiega che questa tecnologia verrà testata nel 2019 per assicurarsi che possa soddisfare i giocatori di tutti i paesi del mondo, ma nel frattempo è già stata rilasciata in un data center Azure, quello di Quincy in USA, ed è attualmente utilizzata internamente con risultati estremamente soddisfacenti in termini di resa grafica e latenza. Altra nota interessante è che gli sviluppatori potranno decidere di avere i loro giochi su questa infrastruttura senza applicarvi alcuna modifica: tutti i titoli, sia quelli attuali che quelli di console future, saranno automaticamente supportati da Project xCloud.
Il nuovo sistema di streaming ci permetterà di giocare su smartphone e tablet con tutti i giochi Xbox, e per farlo potremo utilizzare sia il controller di Xbox One, connesso via bluetooth, sia i controlli touch che saranno automaticamente aggiunti dal sistema a tutti i giochi, anche se risulteranno sicuramente meno pratici. Questa tecnologia non è inoltre da confondersi con l'Xbox Cloud di cui Microsoft aveva parlato all'inizio della generazione, che ha invece uno scopo completamente diverso.
Per ora l'annuncio è relativo alla sola tecnologia: non sono stati rivelati dettagli su come si potrà provare il nuovo sistema di streaming né in che modo funzionerà commercialmente: sarà incluso in Game Pass? E se acquisteremo un gioco singolo in digitale potremo giocarlo anche dove vogliamo in streaming? Sono tutte domande alle quali ci aspettiamo delle risposte nei prossimi mesi.
 
Ultima modifica:

-=NickZip=-

Member
Utente
Iscritto dal:
18 Aprile 2018
Messaggi
251
Punteggio
18
Non ho dubbi che giocato su fibra sia ottimizzato bene, ma credo che la vera sfida sia renderlo davvero fruibile se giocato in 4G.
 

Nahuel84

Videogiocatore Gourmet
Utente
Iscritto dal:
2 Aprile 2018
Messaggi
586
Punteggio
16
Età
36
Località
Dublino
Non ho dubbi che giocato su fibra sia ottimizzato bene, ma credo che la vera sfida sia renderlo davvero fruibile se giocato in 4G.
Il video di Ms fa riferimento al 5G pero'...
Mi sembra abbastanza chiaro che useranno quelti ultimi anni di XboxOne per "Testare" il servizio streaming che , con tutta probabilita', avra' un tottale supporto con la nuova Scarlett
 

kenji

Collaboratore
Collaboratore
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
888
Punteggio
18
Il Ps Now da noi funziona piu' che bene se si usa un proxy...in molti hanno fatto la prova gratuita per vedere come andava e alla fine hanno detto che tutto sommato l' esperienza era stata positiva
ah ok, peccato che ancora non lo abbiano portato anche da noi.. spero che questo di microsoft arrivi
 

Lo Zini

La seconda che hai detto
Staff Forum
Moderatore
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
318
Punteggio
16
Codice Amico Switch
7326-0766-9595
Codice Amico 3DS
4270-4996-2902
Hype, da controller (e supporto) sempre in borsa
 

Pat_00

Roma fu fatta un po' pé' vorta.
Collaboratore
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
1.348
Punteggio
38
Età
120
in molti si sono chiesti quale sarebbe stata la qualità effettiva della trasmissione, e in che modo essa possa essere influenzata dalla banda a disposizione del giocatore.

Il colosso di Redmond deve aver recepito queste perplessità e ha voluto rispondergli nelle parole di Kevin Lachapelle, general manager del progetto. In una intervista concessa a Wired (poi riportata da Gaming Bolt), Lachapelle ha voluto sgomberare il campo da dubbi: i giocatori

"non sapranno nemmeno che stanno utilizzando il cloud. Potrebbero pensare di essere su una console che è situata all'interno della loro abitazione."
 

Pat_00

Roma fu fatta un po' pé' vorta.
Collaboratore
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
1.348
Punteggio
38
Età
120
Dopo aver svelato al mondo intero pochi giorni fa l’avvio dei lavori sulla piattaforma di cloud gaming Project xCloud, molti fan si sono interrogati su quale sarà il futuro di Xbox.


La risposta è giunta oggi dal Corporate Vice President of Xbox Software Engineering, Kareem Choudhry, che ha voluto rasserenare gli animi confermato che Microsoft non intende abbandonare il mercato console, nemmeno dopo la diffusione su vasta scala di Project xCloud.


Xbox è qui per rimanere, adesso e in futuro, ribadisce Choudhry:


Siamo davvero orgogliosi di ciò che siamo stati in grado di fare nel nostro ecosistema di console e volgiamo estendere il nostro target proponendo anche un’offerta cloud. Offerta che da sola non sarebbe sufficiente per tutto ciò su cui stiamo lavorando e che non vediamo come un rimpiazzo degli attuali sistemi di gioco, bensì una semplice integrazione. Non stiamo rompendo i pezzi dei dispositivi che abbiamo fino ad oggi realizzato”, riferendosi ad Xbox.


Non stiamo riorganizzando il mondo videoludico. Non lo stiamo riscoprendo. Non abbiamo posto nessun tipo di restrizioni sulle specifiche per il cloud nè tanto meno per Xbox. Sarà la stessa esperienza“.


“Se xCloud viene visto come una sostituzione del modello attuale delle console, avete frainteso. Non sono un fan della tirannia puntando solamente su di un unico mezzo. Continueremo a puntare sul mercato console come lo conoscete oggi”.
 

Pat_00

Roma fu fatta un po' pé' vorta.
Collaboratore
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
1.348
Punteggio
38
Età
120
La GDC 2019 sarà un'occasione molto importante per apprendere diversi nuovi dettagli riguardanti Project xCloud, la tecnologia streaming del colosso di Redmond e tra il 18 e il 22 marzo sarà l'occasione giusta per saperne decisamente di più. Come segnalato da WccfTech, il team Backwards Compatibility rivelerà parecchi dettagli della tecnologia. La descrizione che annuncia la presentazione è la seguente:

"Project xCloud permette ai giochi nativi per console di essere streammati attraverso i server di Azure e client legati allo streaming. Qualsiasi gioco nativo console che attualmente viene pubblicato sul Microsoft Store di Xbox sarà in grado di essere streammato su un dispositivo mobile. Project xCloud è una piattaforma aperta con un Client UX personalizzabile in cui lo streaming inizia con gli sviluppatori di giochi Xbox che non devono modificare una singola linea di codice".

La presentazione della GDC è pensata soprattutto per gli sviluppatori che stanno già realizzando giochi Xbox e si concentrerà in dettaglio su come i giochi "Cloud Aware" che saranno costruiti attraverso il development kit di Project xCloud saranno facilitati ad adattarsi su dispositivi mobile con la stessa grafica e sistemi di input. Si apprenderanno anche dettagli sel nuovo strato di microservizi che permetteranno la personalizzazione attraverso elementi come gli input touch quando un controller non è disponibile".
 

Yuuko2

Currently bored
Utente
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
112
Punteggio
28
Località
Versilia
Pare che questo game-streaming sia il futuro del casual gaming.
Secondo me potrebbe venirne fuori qualcosa di buono, ma devono investirci tante risorse e, soprattutto, deve arrivare il 5G asap. :asd:
 

-=NickZip=-

Member
Utente
Iscritto dal:
18 Aprile 2018
Messaggi
251
Punteggio
18
Prendendo per scontato col fatto che il servizio funzionerà bene, sono curioso di sapere le modalità di fruizione. Ci sarà un gamepass su Xcloud? Sarà possibile giocare alla propria libreria di giochi via Xcloud pagando un abbonamento inferiore a quello full?
 

Pat_00

Roma fu fatta un po' pé' vorta.
Collaboratore
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
1.348
Punteggio
38
Età
120
Direttamente dalla Game Developers Conference 2019, il palcoscenico su cui Google ha presentato Stadia, la sua piattaforma di gaming in streaming, ecco arrivare la diretta risposta di Microsoft con Project xCloud.

Così come Stadia, anche Project xCloud sarà mirato a diffondere il gaming basato sullo streaming, tramite cui è possibile virtualmente portare ogni gioco su qualsiasi dispositivo munito di uno schermo.

La missione di Microsoft con Project xCloud: "Giocare al gioco che si desidera, con le persone che si vuole e con il dispositivo che si preferisce".

Il colosso di Redmond ha mostrato ai partecipanti della GDC 2019 la mappa dei data center su cui xCloud porrà le sue fondamenta per portare il gaming in streaming sui dispositivi degli appassionati. Le postazioni sono presenti in tutti i Continenti, ma abbiamo una prevedibile maggiore diffusione in America e in Europa.







L'obiettivo di Microsoft è quello di creare un progetto senza soluzione di continuità: gli sviluppatori non dovranno modificare il codice del proprio gioco per supportare Project xCloud. I controlli touch verranno implementati grazie al Touch Adaption Kit e ci saranno dei tool anche per il supporto completo della tecnologia cloud.





A livello di controlli touch ci sono dei setup base ma è anche possibile creare dei layout personalizzati per i diversi giochi.




Il sistema è in grado di rendersi conto del fatto che un gioco venga giocato attraverso il cloud e può abilitare degli elementi impostati dagli sviluppatori al fine di rendere migliore l'esperienza in un certo ambiente di gioco. Possono essere implementati dei salvataggi temporanei per sopperire a possibili disconnessioni per poi essere cancellati non appena si ristabilisce la connessione normale. In questo modo la difficoltà del gioco non verrà modificata ma allo stesso tempo non si rischia di perdere i propri progressi.

Gli sviluppatori riceveranno anche degli strumenti per misurare in dettaglio la latenza e per risolvere ogni problema. In questo modo sarà possibile gestire l'esperienza di gioco anche in situazione definite estreme.
 
Ultima modifica:

Pat_00

Roma fu fatta un po' pé' vorta.
Collaboratore
Iscritto dal:
3 Aprile 2018
Messaggi
1.348
Punteggio
38
Età
120
Proprio Spencer rivelato attraverso Twitter che il team al lavoro ha raggiunto un traguardo chiave per il lancio pubblico: la takehome release. "Congratulazione al team di Project xCloud per aver completato la takehome release. Siamo eccitati di ricevere il feedback dal nostro team interno prima delle prove pubbliche che avverranno successivamente nel corso di quest'anno".



Da notare un tipo in fondo a sinistra che mette le braccia a x :çVç:
 
Top