Guida Vongol Gol spiegato da Mihály Csíkszentmihályi

marcolago

marcolago™
Staff Forum
Staff Area Social
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
44
Punteggio
6
Età
43
Località
Villastellone (TO)

Immagine originale: Nintendo Wikia - Fandom

Informazioni base

Vongol Gol (Clam Blitz, in inglese) è la quarta modalità di gioco Pro introdotta in Splatoon 2.
Si gioca nelle modalità Pro, Lega ed è disponibile in Privata.
Lo scopo del gioco è vincere la partita azzerando per primi il proprio contatore tirando, dentro alla rete avversaria, delle vongole raccolte in giro per le mappe.
La partita dura 5 minuti. Se, allo scadere del tempo, nessuno ha azzerato il contatore, vince la squadra che ha il contatore con il valore più basso.

Come si gioca

Due squadre di 4 giocatori devono recuperare delle piccole vongole sparse in alcuni punti degli scenari, formare una Super Vongola, rompere la barriera della rete avversaria e tirare quante più vongole (super e normali) dentro la rete prima che si richiuda.
Le vongole compaiono in gruppi di 4 o, vicino alla propria base ad inizio partita, in singole vongole sparse.
I gruppi di 4 si riformano ad intervalli più o meno regolari sempre negli stessi punti dello scenario.

Ogni giocatore può raccogliere le vongole e il numero di vongole raccolte è sempre presente sopra la sua testa. Il conteggio delle vongole in mano ai membri di entrambe le squadre è segnato ai margini della barra del punteggio, in alto sullo schermo.
Le vongole raccolte seguono il giocatore come un piccolo serpentello, immergendosi con lui e diventando invisibili quando passa alla forma di calamaro.
Quando un giocatore ha raccolto 10 vongole piccole si forma una Super Vongola.


Immagine originale: Nintendo Wikia - Fandom

La Super Vongola è sempre visibile a tutti i giocatori, alleati e avversari, e non si immerge mai insieme al giocatore.

Quando un giocatore ha la Super Vongola la deve tirare sulla barriera della rete avversaria per romperla e scoprire la rete dove tutti i giocatori alleati possono tirare altre vongole, anche normali, per segnare punti e ridurre il contatore.

Quando la rete viene rotta inizia un conto alla rovescia — visualizzato da un cerchio che si svuota “a spicchio” — che rappresenta il tempo durante il quale è possibile tirare altre vongole prima che la barriera si riformi.
Ogni altra vongola tirata dentro alla rete durante questo tempo riempirà nuovamente un po’ di cerchio permettendo così di tenere aperta la rete più a lungo.

Durante tutto il tempo in cui la barriera avversaria è stata sfondata, e durante il successivo tempo di rigenerazione, la vostra rete sarà messa al sicuro, rientrando in una posizione dietro ad uno scudo infrangibile. Se segnate voi, quindi, non avrete da preoccuparvi di potenziali attacchi avversari. Ma attenti al contropiede!

Se il tempo di apertura della rete si azzera, la barriera si riforma e sarà nuovamente necessario romperla. Al riformarsi della barriera al contatore da azzerare viene aggiunto un contatore extra di penalità il cui valore è pari al numero di vongole tirate in rete dall’ultima apertura della barriera.
Così facendo, se una squadra decrementa di molto il contatore ma lascia riformare la barriera, dovrà tirare nuovamente altrettante vongole prima di poter nuovamente far scendere il contatore.

Ogni Super Vongola tirata decrementa il contatore di 20 punti (e conta come 10 vongole per la penalità) mentre ogni singola piccola vongola decrementa il contatore di 3 punti.

Se una squadra raggiunge lo stesso punteggio dell’altra e la barriera si forma nuovamente, la squadra che ha raggiunto il punteggio per seconda subisce un punto di penalità sul contatore principale.

Consigli e tattiche

Vongol Gol, giocata in Pro, con compagni a caso e senza la possibilità di parlarsi, sa essere una modalità di gioco capace di tirare fuori il peggio da chiunque.
Questo perché il gioco di squadra è tanto più importante in questa modalità rispetto alle altre, per non fare velocemente una brutta fine.
Solo che per giocare di squadra con degli sconosciuti servono intuito e capacità di adattamento e tutto quanto in piccole frazioni di secondo.

Più che nelle altre modalità, quindi, sarà facile dare la colpa al proprio team perché non ci si intende e non giocano come vorremmo ma, a questo punto, si dovrebbe già aver capito che siamo noi a doverci adattare all’andamento della partita, e non vice versa (questo non ci impedirà di lamentarci dei propri compagni, a ragione o torto che sia, ma un po’ di autocritica non guasta).

Quando le azioni non vanno come vorremmo, quindi, si deve pensare bene a quello che andrebbe fatto in campo per riuscire a correggere l’andamento della sfida.

Quando si attacca, che si abbia il vongolone o meno, è importante valutare la situazione della squadra avversaria.
Per farlo è indispensabile osservare lo stato degli avversari in alto o, guardando la mappa (perché è davvero, davvero, importante guardare la mappa spesso durante una partita), in alto a destra.

Se tutti gli avversari sono in campo, buttarsi a capofitto verso la rete avversaria non sarà l’impresa più semplice della vita, e andrebbe fatto solo se, valutata la situazione, si ha il vantaggio del campo o si gode di effetto sorpresa.

Se almeno 2 avvesari sono fuori gioco, invece, la situazione si fa più facile e potrebbe avere un senso buttarsi a testa bassa verso la rete.

Nel caso, fortunato, che 3, o tutti gli avversari siano stati splattati, allora non è il caso di perdere tempo. Chi ha il vongolone deve andare a sfondare la rete avversaria, e chi non ha ancora raccolto le 10 vongole è meglio che lo faccia, o che vada a supporto di chi sta sfondando in modo da difenderlo nel casi gli avversari si fossero già ripresi o, comunque, per spingere l’azione il più possibile.

La teoria del flusso applicata una partita di Vongol Gol

Analogia azzardata, in apparenza, in realtà è molto più calzante di quanto si possa pensare.

Una partita in Vongol Gol è, durante i suoi 5 minuti quando va male, un’escalation di momenti sempre più concitati e tesi.
In questi momenti è importante che il proprio gioco, e quella di tutta la squadra, siano all’interno della zona.

L’applicazione del grafico del flusso, quindi, è rappresentabile come segue.



In pratica, il corretto bilanciamento degli elementi di attacco e difesa, il sapersi destreggiare tra i buchi della difesa avversaria, e saper tenere il campo, permettono di guidare lo scontro.
Sconfinare nelle aree fuori dal flusso, invece, porterà quasi inevitabilmente a situazioni di frustrazione che avranno come conseguenza la perdita della propria capacità di giudizio e di adattamento. Si tenderà a dare la colpa ai propri compagni, a dichiararsi sconfitti e a giocare male.

Questo vale per sé stessi e per tutta la squadra.
Quando si gioca in pro si deve tentare di trasmettere ai propri compagni un atteggiamento positivo, giocare per il team e favorire la collaborazione anche senza poter comunicare. Passare vongole e dimostrarsi altruisti è un buon modo per far capire che non si è dei solisti, ad esempio.
Quando si gioca con il proprio team comunicando via voce è importante essere capaci di parlare ai compagni tranquillizzando e dando indicazioni di gioco che non siano ordini perentori, ma guida tattica e utili consigli.

Qualche informazione sulla teoria del flusso e su Mihály Csíkszentmihályi a fondo post.

Indicazioni di gioco generali


Alcune indicazioni su come approcciare la partita, stare in campo e usare gli strumenti in relazione alle situazioni di gioco.


Immagine originale: Nintendo

La fondamentale importanza della mappa e del CON ME!

Sul controller, che sia il Pro o i Joy Con, sono presenti parecchi tasti, ma due di questi sono davvero fondamentali in Vongol Gol.

Il tasto su sulla croce direzionale permette, come in tutte le altre modalità di gioco, di urlare alla propria squadra CON ME! (THIS WAY! in inglese).
Quando un giocatore chiama CON ME! solitamente sono possibili 3 situazioni.
  1. Il giocatore ha formato una Super Vongola e invita i compagni di squadra a seguirlo per andare a segnare.
  2. Il giocatore ha notato un compagno con una Super Vongola e invita questo a seguirlo perché gli aprirà la strada.
  3. Il giocatore è in un punto perfetto dove effettuare un salto e suggerisce algi altri di farlo.
Nel terzo caso, entra in scena l’importanza del secondo pulsante indispensabile, il tasto X, che apre la mappa.
Quando un compagno chiama, con insistenza CON ME! sarebbe davvero utile se, chi ha il vongolone, aprisse la mappa e valutasse di fare un super salto da lui, perché magari questo è proprio nascosto sotto la rete avversaria, o nelle immediate vicinanze. Un super salto fatto in questo modo permetterebbe quindi a chi ha la Super Vongola di segnare facilmente.


Nota bene: se un vostro compagno chiama CON ME! con ESTREMA INSISTENZA — tipo per 10 secondi buoni — forse sta davvero cercando di dirvi di saltare da lui.
No! Non smetterò di ripeterlo tanto presto.

Saltate tanto, ma non saltate ovunque


Lo ripeteremo parecchio, e lo abbiamo giò detto: saltare da qualcuno o verso trasferitori è il modo migliore per percorrere grandi distanze e arrivare prima al punto.
Ma occhio a dove saltate. Tornare in base con un salto vi farà perdere tutte le vongole che avete, vongolone compreso, che si romperanno e andranno distrutte, non solo sparse.

Saltate in base sono se veramente necessario perché questione di vita o di splat, o perché dovete tornare indietro per recuperare una situazione difficile in difesa.

I primi, importantissimi, 30 secondi


O: “la fondamentale importanza di passare in vantaggio quanto prima”.

Dato per scontato che essere in vantaggio è meglio che stare sotto — e grazie tante — il punto è che per poter gestire una partita con il proprio ritmo si deve essere in posizione di vantaggio e costringere gli avversari ad esporsi per attaccare.

Attenzione! Questo non vuol dire che ci si deve chiudere in difesa.
Perché per quanto sia buona la possibilità che venga sfondata resta alta. Ma che dal maggiore azzardo degli avversari possono nascere delle ottime situazioni di contropiede che renderanno più facile segnare altri gol.

Segnare nei primissimi secondi della partita, quindi, può essere una buona tattica. Ma richiede comunque attenzione e sincronizzazione.
La prima cosa da notare è che se qualcuno si butta in attacco, forma la Super Vongola, e va a segnare da solo, la probabilità che venga splattato è incredibilmente alta.


In questo caso i compagni di squadra devono decidere tra due possibili tattiche.

Possono andare a buttare dentro quello che hanno, incrementando il vantaggio, tentando allo stesso tempo lo splat di chi si è dovuto muovere per tornare a difendere.

Oppure possono raccogliere quello che riescono per prepararsi ad una successiva azione di attacco e iniziare a costruire una solida linea di difesa.

Comunque anche i soli 20 punti di un primo attacco possono essere sufficienti per mettere pressione agli altri.
E nel tempo che la rete si richiude, anche l’autore del punto torna in campo, magari portandosi in difesa per poi ricominciare con il proprio ruolo.

Mantenere il vantaggio


Tenendo sempre valida la regola che meglio vincere che perdere, il modo migliore per farlo, e per giocare in modo lucido, è non ricadere nella possibilità di uscire dalla zona (vedi schema precedente).
E il modo migliore per non perdere la lucidità e la calma necessaria per giocare è quello di non dover correre per recuperare uno svantaggio subìto, magari, proprio per una distrazione.

Importante allora mantenere una posizione di vantaggio il più a lungo possibile mettendo gli avversari nelle condizioni di una pressione psicologica che potrebbe portarli a commettere errori o a sbilanciare la proria presenza in campo.

Allo stesso tempo è vitale non demoralizzarsi quando si passa in svantaggio e sapere che, proprio perché ora sono loro a condurre il gioco, non si deve essere vittime della pressione che pochi istanti prima era nell’altra metà campo.

Occhio al contropiede!

Ok. Avete sfondato la rete avversaria e tutti quanti si sono buttati in attacco.
Gli avversari si chiudono in difesa e iniziano a tentare di splattarvi. E in effetti un po’ alla volta ci riescono. Tutti e quattro della vostra squadra finite splattati bene o male allo stesso tempo, e uno degli avversari è partito mentre gli altri difendevano per fare un vongolone e si è piazzato sotto rete aspettando il reset.
Voi non ce la fate a tornare in tempo, loro hanno campo libero, aprono la rete e vengono subito tutti quanti sotto a segnare più di voi.

Ecco, ovviamente si potrebbero anche invertire i ruoli, ma dipingere la cosa come negativa ve la fa entrare in testa meglio, IMHO.

Evitare di subire un full team è sempre importante, ma di più ancora quando il tempo che manca al reset delle reti è poco.

Le situazioni di contropiede più frequenti sono quella appena descritta e l’iniziativa di una persona che, magari durante un attacco multi vongolone avversario, riesce a passare inosservato e ad andare a segnare prima che anche solo la prima delle Super Vongole avversarie tocchi la vostra barriera.

Situazioni del genere devono essere usate a proprio vantaggio ed è molto importante stare attenti a non subirne. Guardate sempre la mappa quando ci sono vongoloni avversari in ballo e quando sospettate situazioni di questo genere. Vi aiuterà a valutare se siete voi a dover restare in difesa o se potete azzardare un attacco silenzioso.

Come giocare i ruoli


Se giocate in difesa potete farlo in due modi, come difensore o come portiere.

Se fate il difensore muovetevi, anche fino a metà campo, cercate di coordinarvi con almeno un altro compagno per darvi il cambio per chi sta sotto rete.

Se fate il portiere valutate di muovervi.
O siete infallibili, nessuno passa sotto il vostro occhio vigile, nessuna speciale vi fa spostare più di tanto, non vi fate mai prendere alle spalle e avete una percentuale di colpi andati a segno del 100%, oppure aiutate la squadra in ogni modo possibile, e il primo modo utile è colorare tutto dove riuscite ad arrivare con la vostra gittata.
In particolar modo se avete cecchini o splatling che possono colorare tanto. Basta non fissarsi di dover per forza sparare a qualcuno.

Come giocare gli scenari


Ovunque, in ogni scenario, non si vince se non si ha il controllo del centro campo. La maggior parte del terreno deve essere del vostro colore. Questo non solo favorisce i vostri movimenti ma fa costringe gli avversari a colorare la strada per avanzare, facendogli così impiegare più tempo.

Sotto la vostra rete non deve esserci una sola goccia di inchiostro avversario. Regola che fa il paio con quella del centrocampo, ma non completamente uguale. Qui si parla di avere margine per difendere, potendo creare uno sbarramento non solo frontale ma anche “diagonale” alla direzione d’attacco.

Le vie di ingresso alla vostra rete vanno presidiate, e colorate. Ad inizio partita, quando tutti si lanciano alla raccolta delle vongole, valutate se anche voi dovete buttarvi nella mischia o, se già sono abbastanza i vostri compagni, se andare a mettere in sicurezza rampe, muri, colorotaie.

Le colorotaie dovrebbero essere sempre del vostro colore, non solo quelle che portano in base avversaria, ma anche, e soprattutto, quelle che portano alla vostra. Se le tenete del vostro colore il più possibile gli avversari dovranno riprendersele prima di usarle di nuovo, con conseguente rallentamento.

Valutate ogni singola via di accesso e siate disposti a cambiare strada all’ultimo. Non vi fossilizzate sempre sulla stessa, o sarete prevedibili. Allo stesso tempo se vedete la solita via libera prendetela, ma siate pronti a “sfumarla” variando leggermente alla prima ipotesi di difesa avversaria.
Variate l’attacco, fate finte, date l’impressione di voler passare in un punto e poi cambiate strada all’improvviso. Vale tutto.

Preparate la strada. Se il vostro team se la sta cavando bene, se siete in vantaggio tattico, se avete il controllo del territorio, aprite una o più vie facendo incursioni nel territorio nemico.
Gli avversari dovranno ripulire le vie, ammesso che se ne accorgano, e quindi si distrarranno dai giocatori che stanno attaccando.
E se non dovessero pulirle, meglio così, saranno già pronte quando si attacca.

Come andare a segnare


Ci sono 3 modi in squadra, in estrema sintesi.


Immagine originale: Nintendo Wikia - Fandom

Tutta la squadra fa fronte comune, una o più palle precedute da uno o due giocatori che attaccano dritti in meta.
In questo caso meglio se carichi di speciali pronti a scatenarle tutte insieme per annichilire o allontanare gli avversari dall’area di difesa.

Con almeno 2 vongoloni si prendono strade diverse in modo da dividere le difese avversarie e trarre vantaggio dal farne passare almeno una.
Il resto della squadra gioca a supporto spingendo insieme a chi ha il vongolone, oppure cercando di inserirsi nel mezzo per sfruttare il prendere di spalle chi va sui giocatori con la Super Vongola.

Un giocatore, senza la Super Vongola, si intrufola sotto rete nemica, splattando chi può e facendo da apripista.
Gli altri giocatori devono creare una Super Vongola quanto prima per poi andare sotto o saltare dove il giocatore ha aperto la strada.

Da un punto di vista solista, invece, saper valutare la mappa e la situazione può portare a capire quando sfruttare un buco nelle difese per procedere da soli, mentre il resto della squadra tiene impegnati gli avversari.

E questo porta al punto più importante per potersi garantire una vittoria senza troppi mal di testa.
Aprire la rete e buttare una sola Super Vongola non è una soluzione che porta reali benefici sul lungo periodo.

Certo, come detto prima, se si riesce ad aprire e portarsi in vantaggio, soprattutto nei primi 30 secondi, si guida la partita, ma si viene anche recuperati facilmente.
È davvero molto importante, quando si apre la breccia, riuscire a buttare dentro più vongole possibili nel momento di debolezza del nemico. E per farlo serve che la squadra sia pronta all’attacco tutta insieme.
Ma non è per niente facile, in pro, senza comunicazione.
Paradossalmente è compito di chi attacca valutare se effettivamente spingere o meno in modo che si abbiano più compagni possibili al seguito.
In team organizzati in chat vocale la cosa cambia, e il tutto va rivalutato su un piano di collaborazione più stretto.

Aprire la strada è importante quanto e più che segnare


Aprire la strada ai propri compagni è importante quanto andare a segnare, se non di più, soprattutto se non si è l’unico giocatore con un vongolone. Quando più Super Vongole sono in campo, sia per la propria squadra, sia per gli avversari, è fondamentale saper avanzare e preparare il campo a chi può segnare. O fermare i tentativi di attacco alla propria rete.

Ci sono diversi modi di avanzare e le possibilità dipendono sia dalle mappe, sia dalle armi e relative secondarie e speciali in dotazione.

Passare le vongole, abbasso l’egoismo


Forse non tutti sanno che le vongole, piccole e grandi, possono essere passate.
Sì, suona assurdo ma è così. La gente non lo sa, o non lo fa.
I bravi giocatori non sono egoisti e non si tengono le vongoline per sé, ma nemmeno il vongolone.

Se uno dei vostri compagni è in una posizione migliore della vostra, o semplicemente ha 9 vongole e voi ne avete 2, passategli ’ste vongoline. Lui farà la Super Vongola e andrà a segnare, magari grazie anche al vostro supporto che, certamente, gli darete, visto che per passarvi le vongole siete necessariamente vicini.

E con il vongolone è la stessa cosa. Piuttosto che inoltrarvi nel pasticcio della mischia sotto rete, o tentare un salto del guado quando siete poco confidenti, se uno dei vostri compagni è più vicino di voi alla rete, tirate a lui la Super Vongola, e sarà lui a segnare il punto per voi. Per la squadra. Per tutti. Perché è la squadra che vince, non il singolo.

Inoltre, quando si avanza nuotanto, se ci si riesce a coordinare con chi sta davanti o dietro, andare sotto rete senza la Super Vongola vi rende meno visibili.
Arrivare sotto rete in due e unire le proprie vongole farà in modo di essere nel posto giusto sorprendendo gli avversari dandogli meno tempo e possibilità per splattarvi.

Ultimo “Pro Tip”. Non dovete per forza andare a tirare le vongole di persona nella cesta. Se un vostro compagno è in una posizione di vantaggio, sotto la rete aperta, e voi siete arretrati, avanzare richiederebbe tempo o vi metterebbe a rischio splat, state dove siete e passatele. Ci pensarà lui a tirarle dentro come fosse un Alley-oop.

C’è però anche un caso in cui passare le vongole non è la cosa giusta da fare.
È il caso che si verifica quando uno dei vostri compagni non vuole fare la super Vongola per scelta, perché per stile di gioco non lo crea se non già vicino alla rete avversaria. Quindi, prima di passare le vongole, in un estremo gesto di altruismo, valutante anche questo e cercate di capire dall’atteggiamento del compagno come sta giocando.
Però, se vi dice continuamente CON ME! e vi gira intorno, dategli ’sta vongola!

Controllare le vongole


Non possono tirare il vongolone nella nostra rete, se non riescono a fare il vongolone.



Le vongole vanno prese dalla propria squadra e tenute al sicuro. Il passaggio delle vongole tra i giocatori permette di spostarle per il campo in modo utile.
Un difensore a rischio non dovrebbe avere con sé tante vongole. Meglio se non ne avesse proprio.

Difesa, questa sconosciuta

Il fatto che l’obiettivo del gioco sia segnare dovrebbe aver fatto suonare, nella testa di molti, un campanello di allarme del tipo: “Ehi! Anche l’altra squadra cercherà di segnare. Quindi noi dobbiamo difendere!”.

Ironia a parte, una buona difesa è fondamentale e costituisce un buon 50% dell’esperienza di gioco.
Una squadra che funziona è fatta di giocatori che sanno giocare in difesa.

Attenzione! Non parlo di avere un portiere fisso. Questo, come detto sopra, potrebbe portarvi ad un gioco 3 contro 4 che raramente facilita la vittoria (poi, se il vostro portiere è infallibile, meglio). Ma parlo di sapere in ogni mappa dove stare per fermare i tentativi di attacco avversari.

Non c’è niente di peggio di guidare tutta la partita, arrivare con il contatore ad una cifra, e poi farsi recuperare tutto nel finale. Magari proprio nel Tempo +.

La cosa più ovvia da capire è, quindi, che più lontano gli avversari stanno dalla rete, e dal raggio di tiro, e meglio è.
Questo vuol dire che è inutile difendere, magari stando nascosti nell’inchiostro, proprio sotto la vostra rete o nelle sue immediate vicinanze.

La cosa migliore è controllare il centro del campo, posizione non solo vantaggiosa perché lontana dall’obiettivo avversario, ma molto tattica anche perché in quasi tutte le mappe è lì che le strade per arrivare in base si separano, e quindi sarà più semplice tenere gli avvesari compatti e riuscire nello splat.

Tenere, quindi, la linea di difesa più avanzata possibile permette una dominazione del campo di gioco che si ricollega con un suggerimento già dato, quello di tenere più terreno possibile del proprio colore.

Cosa fare quando non si sa cosa fare


Ok, diciamo che passa un minuto e sbroccate, non entrate in sintonia con la squadra e con la partita. O semplicemente voi e la vostra arma non siete la combinazione migliore per il resto dei compagni che il sistema vi ha affibbiato.
Che fate?

Colorate.
Come già detto, il controllo del campo è fondamentale. Se tenete la vostra metà campo, abbondante, del vostro colore, gli avversari troveranno più difficile passare.

Splattate. Non è che dovete andare a cercarvela, ma se qualcuno vi capita a tiro, dategliele di santa ragione.
Potete anche fare gli infami e starvene nascosti ai margini del vostro territorio o appostarvi in alto e piombare impietosi su chi passava inconsciente dalle vostre parti.

Raccogliete e passate le vongole.
Anche questo già detto prima, ma ripetiamolo lo stesso. Se non siete tipi da sfondare le difese avversarie, raccogliete vongole per la squadra. Tenetele per andare a tirarle quando è necessario. O passatele ai compagni che stanno gironzolando per fare il vongolone.

Fate lo stratega. Tenete aperta la mappa e dite agli altri cosa succede in camp… Ah! No. Nelle pro non c’è il vocale!


Armi e speciali


Qualche consiglio su quali armi usare, vantaggi e tattiche sull’uso delle speciali.
Nota: troverete altri consigli sulle armi, speciali e tattiche nelle risposte in questo thread.

La Cromosfera, gioia e delizia, a saperla usare


Poche cose aprono la strada, e ti fanno segnare, come la cromosfera. Usarla con perizia, però, pare non essere ancora troppo di pubblico dominio.
Per questo, merita un capitolo dedicato.

Quando non si ha il vongolone, ma la sfera è carica, e il vongolone è in mano ad un compagno, ammesso che questo lo capisca e vi segua, aprire la strada per lui andando in base e facendosi esplodere cercando di allontanare gli avversari o, alla meglio, splattarne un paio, è certamente la cosa migliore da fare.
Non solo si crea automaticamente una strada di inchiostro percorribile dai vostri compagni che quindi non devono preoccuparsi di inchiostrare, ma il deterrente dell’esplosione resta una valida opzione per lo sfondamento.

Ricordatevi, inoltre, che quando i compagni saltano, per quanto possano essere veloci grazie ai potenziamenti, ci metteranno un po’ sia ad attivare il salto sia ad arrivare, quindi valutate di iniziare a chiamare con un po’ di anticipo ma, anche, di muovervi e minacciare gli avversari spostandovi dal punto di atterraggio quando vedete che qualcuno sta arrivando. Facendo così attirerete l’attenzione su di voi e faciliterete l’atterraggio dei compagni.

Quando invece la Super Vongola è in proprio possesso il discorso cambia.
Andare sotto rete e farsi esplodere resta una valida opzione, ma facendo così si ha l’inconveniente che la palla viene persa per qualche istante e va recuperata per poterla tirare. Questo tempo, seppure breve va sommato alla variabilità per cui non sapete in che direzione verrà mandata la palla quando la sfera esplode. Se unite il tutto al fatto che magari gli avversari sono riusciti a scappare pronti ad attacarvi di nuovo, rende questo tipo di attacco rischioso. Considerate anche che, sopra a certi ranghi, è ben difficile splattare con l’esplosione della cromosfera, soprattutto quando l’attacco è “telefonato” e ben visibile a chi sta difendendo.
Può sempre capitare il colpo fortunato, ma non è esattamente la norma.

Molto meglio invece attendere che gli avversari riescano a distruggere la sfera mentre coi restate parcheggiati sotto rete, puntanto già per il tiro che sarà fatto appena la sfera sparirà senza esplodere.
In questo modo avrete più probabilità di tirare un punto vincente e, anche se sarete splattati, dovete considerare che probabilmente lo sareste stati anche in caso di esplosione della sfera.

Se avete la Super Vongola, e la sfera carica, e non volete fare quanto appena descritto — perché quando ci provate venite fermati e splattati, o perché siete lontani e sapete già che non ce la farete — un’ottima opzione è passare il vongolone ad un compagno e subito dopo far partire la speciale.
L’inconveniente è che, a volte, i vostri compagni non capiranno quello che state per fare e potrebbero non prendere il vongolone che gli avete passato.
In questo caso la soluzione è più che ovvia: non passate il vongolone vicino ad un compagno, tirateglielo addosso così che non possa evitare di prenderlo!

Per quanto riguarda i vostri compagni, invece, c’è solo una cosa da dire. Se voi state avanzando con la sfera, che abbiate o meno la Super Vongola, se loro ne hanno una voi siete un perfetto bersaglio per un super salto. Fate un paio di “CON ME!” quando avete la sfera, sai mai che qualcuno vi capisca al volo!



Se state invece subendo un attacco a base di cromosfera, vale la pena ricordare che il miglior modo di abbatterla è tirarle addosso due bombe di qualunque tipo, granate escluse e contro sfere non potenziate. In questo modo potrete tenerla lontano dalla rete e vanificare i piani di invasione. Ovviamente, per massimizzare il danno, sarebbe meglio essere in due a difendere.

Calamaravaggio, che velocità

Magari non sarà in meta, ma è un’arma che ha molto da dire in un paio di casi, sicuramente proprio in Vongol Gol e in Bazookarp.

Poter correre veloci e ovunque, senza preoccuparsi di avere tutto inchiostrato prima, e con la Super Vongola appresso, è un vantaggio enorme rispetto agli avversari.
Se giocato bene un “pennellino” può essere la migliore mossa per sfondare o anche solo una fastidiosissima distrazione.

Considerando poi che entrambi i set sono ottimi valutiamoli un momento per capire quale potrebbe essere quello più adatto al proprio stile.

Calamaravaggio con Bomba Splash (Sogni Infranti da ora in avanti) e Vernischianto.
Ottimo per la toccata e fuga, per levarsi d’impiccio nelle peggiori situazioni e per intrufolarsi in singolo e fare splat con il vernischianto quando si riesce ad avere due o tre avversari intorno.
Chi vuole avere il massimo potere di attacco è il caso che usi questo, magari supportato da un bel set con tanto risparmio secondaria e tanto speciale +.

Calamaravaggio con Mina e Cromosfera
Nome ufficiale: Calamaravaggio Master.
Un set più riflessivo, capace di unire la forza dell’incursione in singolo con la possibilità di apertura della cromosfera.
La mina va saputa usare, giocando a fare l’esca e portando gli avversari a seguirvi in percorsi che avrete preparato per tendere imboscate vendicative.
Ovviamente la mina è anche un ottimo strumento da piazzare nelle vie di accesso alla vostra rete per indebolire, o in alcuni casi anche splattare, chi sta tentando l’attacco.
Ricordatevi solo che la mina, in Splatoon 2 non splatta (mentre in Splatoon 1 era una condanna all’oblio), però marka l’avversario e, comunque, lo indebolisce.
Un set meno aggressivo in solitaria, ma capace di fare molto gioco di squadra perché letale sia per l’attacco che per il supporto.

Il Calamaravaggio Master è anche l’arma da usare se volete essere l’uomo con la cromosfera nella squadra.
Con soli 160 punti richiesti per la speciale, un set con un tris di ricarica speciale + permette di avere la sfera pronta in circa 10 secondi, spennellando a dovere (non correndo però, in quel caso la speciale si carica pochissimo).


Importante! Vale la pena ricordare che i potenziamenti di corsa + non hanno effetto quando si usano i pennelli appoggiati a terra.

Bolle e Muro di Colore


Forse non adatti a tutte le mappe, soprattutto il Muro di Colore, anche queste speciali sanno rendere un attacco più efficace, sia per il singolo che per la squadra.

In particolare le Bolle permettono di avanzare protetti, almeno per un po’, creando una barriera che avanza con voi e sotto la quale potete nuotare per arrivare a rete.
È quindi importante segnalare che le vostre Bolle non fermano le vostre vongole o la Super Vongola, che gli passano attraverso. A questo aggiungete che tutta la squadra ovviamente può trarre vantaggio dalla massa di Bolle, e protezione derivante, per avanzare in massa o aggirarle per sorprendere gli avversari e chiuderli senza lasciargli modo di reagire.

Il Muro di Colore, rispetto alle Bolle, non è così possente nella creazione di un muro, appunto, di protezione e avanzamento, soprattutto se lo usate solo davanti a voi (dovete ricordare che il muro non lo tirate dove volete, ma sempre ad una distanza fissa davanti a voi). È però molto utile quando messo sulle vie d’accesso ristrette quando voi siete leggermente avanzati rispetto a chi, dietro di voi, sta portando vongole e vongoline.
Un Muro di Colore messo bene può farvi guadagnare fino a 2 secondi buoni durante i quali si tira in rete di tutto.

Jetsplat (e capriole all’atterraggio)

Se siete abbastanza coraggiosi, o incoscienti, da usare il JetSplat in quel turbine di colpi di colore che è VongolGol, vi potrebbero riuscire anche alcune delle manovre migliori di sempre.

Ovviamente il JetSplat, usato da lontano, permette di prendere facilmente colore sotto la rete e di dare un fastidio ineguagliabile a chi difende, mentre il resto della squadra avanza.
Ma una delle caratteristiche più utili è la possibilità di muoversi per la mappa scavalcando cose.

Usando questa caratteristica si possono applicare diverse tattiche, come tagliare per scorciatoie impossibili per andare a raccogliere vongole anche dove non sarebbe normalmente ammesso.
E, soprattutto, permette il recupero di Super Vongole tirate in modo errato oltre la rete (a questo proposito abbiamo un ottimo esempio di Ryoga del team Jusenkyo, che è sulla buona strada per voler bene a questa modalità anche in pro).


Il problema, qui come nelle altre modalità, è che si lascia un bel segnale su dove si atterrerà (oltre al fatto che avrete tutti i fari puntati addosso), ma la cosa è risolvibile usando l’abilità delle scarpe Atterraggio Stiloso, in modo da fare una capriola veloce appena si tocca terra dopo l’uso della speciale (o usare le duplo, come spiegato nella risposta di @Blasto più avanti).

Il super trick in questo caso, quando riesce, è andare sotto rete con un po’ di vongole e attivare il JetSplat e volare a raccogliene abbastanza da fare la Super Vongola. Quindi non resta che sopravvivere per gli ultimi secondi di volo (o immergesi e scappare a nuoto) per poi tornare sotto base quando finisce il tempo della speciale, eventuale capriola, e segnare un gran bel punto.

Ricordatevi che quando usate il JetSplat non potete tirare le vongole, altrimenti sarebbe troppo facile volare a rete e tirare indisturbati.

Baccalaser, Missili, Pioggia di Colore…

Tutte le altre speciali sono buone compagne di gioco da scatenare quando si attacca (o si difende, vale tutto).
Anche se non sono chirurgiche e super utili danno comunque una mano rendendo più difficile la vita per i difensori.

Un Baccalaser, o un Jet Splash, sparati dritto verso la rete permettono a chi attacca di corrergli sotto o nelle immediate vicinanze, sapendo che può contare su un minimo di deterrente.
Missili o Pioggia sparati nell’area di tiro faranno muovere gli avversari e gli faranno rompere la formazione.
Avere uno scudo quando si avanza permette di resistere a quel colpo in più, magari proprio di blaster, che invece vi avrebbe splattati all’istante.

Ma la cosa realmente utile è sparare tutte le speciali insieme. In questo caso sì che le possibilità di annichilire la squadra avversaria sono tante e tali per cui si ha poi campo libero sia per andare a segnare tutti quanti insieme, sia per prendere campo fin sotto alla base dell’altra squadra rendendo così più difficile il rientro in campo.

… e chi più ne ha, più ne metta


A questo punto si è detto abbastanza e, essendo un ambiente aperto e collaborativo, ci aspettiamo che ora parta il contributo dei lettori per aggiungere consigli, tattiche e approcci con armi e speciali, e altri utili contributi per fare in modo che Vongol Gol non sia più così odiata.
Grazie in anticipo per la collaborazione.

Chi è Mihály Csíkszentmihályi


Psicologo ungherese, ha elaborato la teoria del flusso che si applica alle attività di intrattenimento, ma non solo, dove le persone possono entrare in uno stato di totale coinvolgimento.

Un ambito particolarmente adatto alle applicazioni della teoria del flusso sono proprio i videogiochi.
Tra i videogiochi, Vongol Gol è una delle attività che più risente delle conseguenze di un flusso errato nell’affrontare gli scontri.
 
Ultima modifica:

Blasto

Oh.
Staff Forum
Webmaster
Amministratore
Iscritto dal:
31 Marzo 2018
Messaggi
1.681
Punteggio
48
Età
27
Codice Amico Switch
Chiedi in privato.
Codice Amico 3DS
1478-6165-2928
Capriole, che passione!

Da non sottovalutare le Armi Duplo in Vongol Gol.
Le capriole possono essere l'arma vincente in questa modalità. Sono utili per splattare velocemente/indebolire il nemico, per fornire assist vari, per dare fastidio ai cecchini (e anche alle splatling che decidono di restare in una posizione fissa sulla mappa o che si muovono poco in generale), per intrufolarsi sotto la cesta/la base nemica e per darsi quella spinta in più utile per recuperare un vongolone che sta per sparire e/o per sfondare la cesta avversaria (attenzione alla "pausa" però) mentre si è sotto il fuoco di uno o più nemici (e sono ottime anche per darsi alla fuga in caso di difficoltà :asd:). Le duplo, inoltre, vi permettono di azzardare spesso un supersalto in zone pericolose, grazie alla capriola in atterraggio che vi consente di schivare i nemici che stanno sparando nel punto di atterraggio (e anche di contrattaccare splattandoli, se vi riesce!).


Kelvin Duplo
Le Kelvin Duplo hanno una buona gittata e un'alta potenza dei colpi (dopo la capriola il colpo unico splatta con due colpi), ma la cadenza dei colpi è bassa e le capriole sono lente. Pur essendo interessante il set con la cromosfera mi sento di sconsigliare queste armi in questa modalità.
Moscarpino
Ottima arma per chi gioca in prima linea, utile per dar man forte alla squadra quando si attacca (tra robo-bombe [galline, per gli amici] e vernischianto da abbinare ad un super salto) e per provare a bucare la difesa avversaria. Con quest'arma è possibile eseguire ben 4 scivolate di fila (attenzione però alle mappe con molte strettoie). È importante ricordare anche che la potenza di fuoco è bassa e le scivolate sono un po' lente, così come è elevato il tempo di "pausa" (il lasso di tempo durante il quale il vostro personaggio resta fermo dopo aver eseguito una scivolata o una capriola) quando decidete di smettere di scivolare o avete eseguito tutte le 4 scivolate a vostra disposizione. Bisogna saperle usare bene. Nelle giuste mani possono fare molto bene il loro lavoro. Usate il Moscarpino Duplo Nero se il vostro stile di gioco è più aggressivo, usate il Moscarpino Duplo Bianco se, invece, tendete ad attaccare meno e tenere più il centrocampo.
Sweeper Duplo
La potenza dei colpi è bassa, ma la gittata è elevata (sono le duplo con la gittata maggiore) e la cadenza è buona, inoltre pur avendo una velocità delle capriole non particolarmente elevata è assente qualsiasi "pausa" tra una capriola e l'altra e il personaggio può continuare a camminare liberamente. Sono ottime per mantenere il controllo del colore in campo e supportare i compagni a distanza sia per le speciali, sia per la gittata dei colpi. Il set migliore è quello con la Bomba Splash e la Pioggia di Colore (Sweeper Duplo CM).
Repolper Duplo
Le duplo più bilanciate (gittata, cadenza e potenza di fuoco buone, capriole rapide e pausa breve [ricordate che durante la pausa della capriola aumentano temporaneamente gittata e cadenza dei colpi]) e più forti. Forse poco adatte per colorare con lo scopo di fare controllo di colore in campo per via della gittata (avrete bisogno del supporto dei vostri compagni per il controllo del colore, altrimenti da soli non ce la fate). Sono adatte praticamente per qualsiasi situazione e i più bravi possono correre il rischio di scendere spesso in prima linea e tentare anche di intrufolarsi sotto la cesta avversaria e/o provare a sfondare la cesta da soli.
I set consigliati sono le Repolper Duplo Logo (abbiamo già discusso nel post precedente dell'utilità del Jet Splat) e le Repolper Duplo Nero Marlin (vedi il post precedente dove abbiamo discusso della Cromosfera). Il set base (Repolper Duplo) è il meno utile per via dell'arma speciale, se proprio volete utilizzarlo in Pro allora attivate il Lanciarazzi nel momento giusto (quando state per attaccare e/o i vostri compagni stanno attaccando, oppure in difesa quando gli avversari stanno provando a sfondare la vostra cesta).


Ripolpelle Master
Le duplo più difficili da usare (imho), imparando a padroneggiarle però potrete diventare l'incubo dei vostri avversari. La gittata è bassissima (con queste quindi è ancora più difficile recuperare/mantenere il controllo del colore in campo da soli), ma l'alta potenza dei colpi (sono seconde alle kelvin duplo come potenza) e l'elevata cadenza rendono le ripolpelle un'arma temibile, soprattutto perché gittata e cadenza dei colpi possono essere aumentate temporaneamente ricorrendo alle capriole (rapidissime e precisissime con le ripolpelle). Il set con nube tossica e pioggia di colore è quello migliore, potete lanciare le fiale contro i nemici per stanarli e/o metterli in difficoltà per poi finirli con qualche colpo (attenzione però al consumo di inchiostro, usate 2-4 ecocolore secondario). La pioggia è utile per il controllo del colore. Pioggia e fiale tossiche sono una combinazione estremamente fastidiosa sia per l'attacco che per la difesa. Le ripolpelle sono adatte per tutti i giocatori particolarmente aggressivi e che sono sempre in prima linea.
Da non sottovalutare nemmeno il set con i trasferitori. In pro sono pochi i giocatori che aprono la mappa e tolgono i trasferitori (in genere lo fanno quando è troppo tardi) e il rush di appiccibombe è utile per ogni situazione (controllo colore, attacco o difesa). Questo set è meno offensivo di quello con le fiale, per cui dovete essere più prudenti quando giocate. I trasferitori sono utili anche piazzati nei pressi della vostra base e/o vicino la vostra cesta, visto che in vongol gol il supersalto in base vi fa perdere tutte le vongole e in caso di necessità può essere utile rientrare subito in difesa. I trasferitori, inoltre, segnalano la posizione dei nemici vicini al trasferitore (anche quelli nascosti nell'inchiostro), sono quindi utili per stanare e splattare camperoni e/o nemici nascosti in attesa che gli altri saltino da loro.
ATTENZIONE! La bassa gittata dei colpi delle ripolpelle non vi permette di raggiungere i nemici distanti che stanno correndo in contropiede col vongolone, soprattutto se la parte del vostro campo è stata ricoperta da inchiostro avversario e dovete colorare e inseguire (sperate che i vostri compagni mantengano il controllo del colore, altrimenti siete fregati, sarà estremamente difficile fermare il contropiede), in quel caso sperate che le fiale tossiche e la pioggia raggiungano e rallentino i nemici in attesa che arrivino i vostri compagni (sperateci poco in pro :asd:).


Per chi è alle prime armi con le duplo... evitate lo scontro diretto:
- con i Blaster, dovete sfruttare la capriola per splattarli (avanzate in avanti lateralmente);
- con i Pennelli, dovete colpirli alle spalle o lateralmente e dovete tenervi alla giusta distanza in modo tale che in 1 VS 1 voi possiate colpire il pennello e lui no;
- con Tende e Ombrelli, dovete colpirli di lato o alle spalle, dove non sono protetti dall'arma;
- con chi usa armi a lunga gittata (Sweeper, Splatling, etc...), o usate la vostra speciale o li prendete alla sprovvista o li prendete alle spalle.

Valutate sempre quando è il momento di darsela a gambe effettuare una ritirata strategica (d'altronde la fuga è anche la tecnica segreta della famiglia Joestar:smugpepe:), non insistete a sfondare se le difese avversarie sono solide (perché è altamente probabile che vi splattino male, soprattutto se c'è una splatling in posizione sopraelevata, magari anche ben difesa dai compagni della sua squadra [e in quel caso c'è bisogno delle armi speciali per allontanarla/splattarla]), presidiate il centrocampo, controllate il colore e attendete l'occasione adatta per intrufolarvi e sfondare la cesta avversaria.

Per affontare al meglio Vongol Gol consiglio di usare o le Repolper Duplo Logo o le Repolper Duplo Nero Marlin. Per le abilità da abbinare ai vestiti consiglio di tenere in considerazione almeno Gran Ritorno, Nuoto+, Ricarica Speciale+ e Il Tempo è Colore.
 

marcolago

marcolago™
Staff Forum
Staff Area Social
Iscritto dal:
1 Aprile 2018
Messaggi
44
Punteggio
6
Età
43
Località
Villastellone (TO)
Aggiornamento del 07/07/2018.

Rivista ed espansa la sezione del Calamaravaggio in seguito a un po’ di sperimentazione e confronto con @Blasto.
Maggiori dettagli ed esempi sulla Cromosfera.
Nuova immagine per chi proprio non capisce che, sulla cromosfera, si deve saltare!
 

Blasto

Oh.
Staff Forum
Webmaster
Amministratore
Iscritto dal:
31 Marzo 2018
Messaggi
1.681
Punteggio
48
Età
27
Codice Amico Switch
Chiedi in privato.
Codice Amico 3DS
1478-6165-2928
Aggiornamento del 29/09/2018.

Rivisto e aggiornato il paragrafo dedicato alle Armi Duplo.
 
Top